×

Villa Pamphilj, sciopero della fame e proteste: braccianti incatenati

Condividi su Facebook

Il sindacalista Aboubakar Soumahoro e i braccianti protestano e fanno lo sciopero della fame davanti a Villa Pamphilj.

Villa Pamphilj: sciopero della fame e proteste, braccianti incatenati
Sciopero della fame e proteste dei braccianti davanti a Villa Pamphilj.

Mentre sono in svolgimento gli Stati Generali dell’economia, davanti a Villa Pamphilj i braccianti fanno lo sciopero della fame e protestano. Portavoce della categoria di lavoratori, il sindacalista Aboubakar Soumahoro che ha dato inizio alla manifestazione incatenandosi fuori dalla struttura.

Sciopero davanti a Villa Pamphilj

Lo scopo della protesta è quello di promuovere il dialogo tra braccianti e Governo, quando tra l’altro la filiera dell’agricoltura è gravemente colpita dalla crisi da Coronavirus.

“Oggi, inizio lo sciopero della fame e mi incateno qui a Villa Pamphilj, finché non ascolteranno il grido di dolore di noi invisibili e di tutti gli esclusi”, ha dichiarato Soumahoro, sindacalista e sociologo.

Salari e condizioni igienico-sanitarie non conformi agli standard nazionali, caporalato e scarsa se non inesistente tutela dei lavoratori: queste sono solo alcune delle ingiustizie che i braccianti devono subire. La sanatoria del Ministro Bellanova non è adeguata a risolvere il problema, per questo viene richiesto l’intervento delle alte sfere.

Le richieste dei braccianti agricoli

Il portavoce dei braccianti, Aboubakar Soumahoro, ha definito tre richieste ben precise:

  • una riforma della filiera agricola che garantisca cibo “eticamente sano” e combatta il caporalato;
  • cambiare le politiche migratorie con la regolarizzazione e il permesso di soggiorno per l’emergenza sanitaria, riconoscendo la cittadinanza a chi è nato in Italia ed eliminando i decreti Sicurezza;
  • un piano nazionale d’emergenza per coloro che hanno perso o rischiano di perdere la propria occupazione a causa dell’emergenza Covid-19.

“Io difendo i lavoratori non in quanto migranti, ma in quanto braccianti e lavoratori tout court. Non per il loro colore di pelle, ma perché sono sfruttati”, ha detto Soumahoro, originario della Costa d’Avorio. Laureato in Sociologia alla Federico II di Napoli, si è sempre impegnato politicamente nella lotta al caporalato e allo sfruttamento dei braccianti di colore nel settore agricolo.

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Cecilia Lidya Casadei

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.