×

Confiscati 250mila euro al cognato del boss Matteo Messina Denaro

Condividi su Facebook

L'Antimafia di Trapani ha confiscato beni per 250mila euro al cognato del boss Matteo Messina Denaro condannato.

boss matteo messina denaro confisca cognato

Si stringe sempre più i cerchio attorno al superboss latitante Matteo Messina Denaro. Il cognato del capo mafia Gaspare Como, infatti, ha subìto la confisca di beni per un valore di 250mila euro. L’operazione è stata effettuata dagli uomini della Direzione Investigativa Antimafia (Dia) di Trapani, coordinati dalla Procura di Marsala.

Gaspare Como è il marito di Bice Maria Messina Denaro, commerciante di abbigliamento e già sorvegliato speciale. Attualmente l’uomo in carcere per associazione a delinquere di tipo mafioso.


Il boss Matteo Messina Denaro

Il cognato del boss Matteo Messina Denaro è stato condannato in via definitiva dalla Corte d’Appello di Palermo per trasferimento fraudolento di valori e dovrà scontare 3 anni e 6 mesi di reclusione.

La confisca segue quindi la condanna. Insieme a Como sono stati condannati la moglie e Gianvito Paladino. La Dia ha quindi confiscato un’attività commerciale di abbigliamento, un locale di circa 200 mq intestato a Valentina Como, la sorella di Gaspare, e un’auto di grossa cilindrata.

Il ruolo di Gaspare Como

L’Antimafia ha accertato che Gaspare Como, dopo una lunga latitanza in carcere, da sorvegliato speciale aveva avviato una fiorente attività commerciale a Castelvetrano.

Il cognato di Matteo Messina Denaro aveva continuato ad investire in immobili e in aziende, intestando tutto a terze persone nel tentativo di sottrarsi all’applicazione delle misure di prevenzione patrimoniali.

Le movimentazioni bancarie

Le forze dell’ordine ed i magistrati hanno dimostrato che i beni per centinaia di migliaia di euro erano riconducibili a Como attraverso l’esame delle movimentazioni bancarie degli indagati.

Su quei conti operava solo il cognato del superboss anche utilizzando firme false. Intercettate anche le utenze telefoniche delle sue aziende che sono risultate gestite da lui in maniera occulta.

Giornalista, copywriter, social media manager, esperto di comunicazione. Ho lavorato per Il Mattino e sono stato caporedattore centrale de il Gazzettino vesuviano. Laureato in Scienze della Comunicazione, ho conseguito un Master in Ufficio Stampa, Digital Pr e Influencer Marketing per la Cultura. Con la mia tesi su “La crisi del giornalismo” ho vinto il Premio Nazionale Nostalgia di Futuro organizzato da Fieg. Collaboro con iGv Network, con Antimafia Duemila, con Media Duemila e sono il fondatore di Effequadro.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Francesco Ferrigno

Giornalista, copywriter, social media manager, esperto di comunicazione. Ho lavorato per Il Mattino e sono stato caporedattore centrale de il Gazzettino vesuviano. Laureato in Scienze della Comunicazione, ho conseguito un Master in Ufficio Stampa, Digital Pr e Influencer Marketing per la Cultura. Con la mia tesi su “La crisi del giornalismo” ho vinto il Premio Nazionale Nostalgia di Futuro organizzato da Fieg. Collaboro con iGv Network, con Antimafia Duemila, con Media Duemila e sono il fondatore di Effequadro.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.