×

Focolaio Bartolini, un corriere denuncia: “Ci guardano storto”

Condividi su Facebook

Un corriere di Bartolini, a seguito del focolaio di Covid registrato presso la sede di Bologna, riporta che i clienti lo trattano come untore.

Focolaio Bartolini, corriere: "Pensano sia un untore"
Discriminato corriere Bartolini a seguito del focolaio di Covid.

Dopo lo scoppio del focolaio di Coronavirus presso Bartolini a Bologna, un corriere riporta atteggiamenti ostili e diffidenti da parte dei clienti. Probabilmente, vista la situazione, questo è solo uno dei casi di discriminazione nei confronti dei dipendenti che vengono a galla.

Focolaio Bartolini, corriere discriminato

A denunciare i fatti è un corriere che lavora su Argenta, in provincia di Ferrara, dipendente della famosa società di consegna. “Mi trattano come un untore, mi guardano storto”, dice Manuele, anche se il focolaio di Coronavirus è scoppiato ben lontano dalla sede per la quale lui lavora.

Sembra che ormai il marchio stesso sia stato bollato come a rischio contagio: “C’è anche chi mi ha chiesto come sto e questo mi ha fatto molto piacere, ma altri hanno esordito con frasi tipo: ‘stai lontano che voi Bartolini siete tutti infetti'”, racconta il ragazzo.

Eppure, se avesse contratto il virus non sarebbe al lavoro, questo è quanto afferma Manuele la cui storia è stata riportata da Nuova Ferrara. “Il nuovo focolaio di Coronavirus è alla filiale di Bologna, io come i miei colleghi veniamo da quella di Ferrara, dove siamo tutti sani.

Vorrei rassicurare: il vostro corriere non è contagioso”, conclude.

Il focolaio di Covid in Bartolini

A ieri, 27 giugno 2020, i positivi presso la Bartolini bolognese erano 107 di cui 79 dipendenti, il resto familiari o conoscenti. Sugli ultimi 109 tamponi effettuati a personale amministrativo e autisti, 12 sono risultati contagiati dal virus.

“Tutto quello che si doveva fare è stato fatto. Abbiamo preparato una relazione, fatto un sopralluogo con i carabinieri e abbiamo visto che quello che avevamo indicato da fare è stato fatto.

La società ha eseguito una serie di indicazioni”, ha dichiarato Paolo Pandolfi, direttore del dipartimento di Sanità pubblica dell’Azienda Usl di Bologna.

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Cecilia Lidya Casadei

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.

Leggi anche

notizie.it logo
Cronaca

Le nostre scuse alla famiglia Romeo

30 Ottobre 2020
Raccontare l'emergenza coronavirus e le tante storie umane che da questo sono scaturite è la missione che ci prefiggiamo ogni giorno. Grazie alle nostre fonti cerchiamo sempre di trovare risvolti…
Entire Digital Publishing - Learn to read again.