×

Roma, la storia dello chef senzatetto a causa del coronavirus

Condividi su Facebook

Il coronavirus ha bloccato Gregorio Perfetti in Italia. Ora lo chef ha perso la casa divenendo un senzatetto. La sua storia

Gregorio Perfetti è uno chef divenuto senzatetto per il coronavirus

Lo chef Gregorio Perfetti sconta le colpe del coronavirus: rientrato dalla Germania a Roma, è divenuto un senzatetto. Oggi, a bordo della sua auto, vaga fra Roma ed Ariccia perché non può più pagare l’affitto di una stanza.

Lo chef senzatetto a Roma a causa del coronavirus

Gregorio Perfetti ha 44 anni. In Germania lavorava nel campo della ristorazione in Germania. A febbraio decide di tornare in Italia, ma poi resta bloccato nel Paese a causa del lockdown. Non poter tornare nella sua casa tedesca, gli costa tanto. Inoccupato, non riesce a pagare l’affitto della stanza. I pochi soldi a disposizione, li invia alla figlia, che vive a Parigi con la sua ex-moglie.

Perfetti perde la sua stanza e si trasferisce in auto. Il veicolo si riempie di vettovaglie, abiti, diventa casa e armadio. Da quel momento, l’uomo vaga per Roma e Ariccia: spesso si ferma in aree di servizio o parcheggi di supermercati, chiedendo la carità. In un primo momento, l’uomo ha chiesto aiuto anche a una parrocchia di Roma: gli è stato risposto che gli aiuti erano per la gente del quartiere.

Da quel momento mi sono chiuso, per me è già una vergogna ritrovarmi così” ha detto l’uomo ai microfoni di Repubblica.

I nuovi poveri da coronavirus in Italia

La pandemia fa sentire il suo peso sociale. Giovanni Bruno, presidente della fondazione Banco Alimentare, a fine maggio ha dichiarato: “Nei prossimi mesi saranno dieci milioni di italiani in stato di povertà“. Secondo i dati del banco, le richieste di aiuti alimentari sono aumentate del 40% nel nostro Paese.

Il Mezzogiorno il più sofferente, con picchi del 70%. La pandemia – sottolinea Bruno – accelera un trend già in atto da diversi anni: dal 2008 al 2016 il numero dei poveri è raddoppiato fino a cinque milioni. Con la pandemia potrebbero raddoppiare nel giro di sette mesi – avverte.

Perfetti, che ha perso il lavoro a causa del lockdown, rientra fra i nuovi poveri: una persona che, fino a poco tempo fa, non immaginava di dover ricorrere ad aiuti terzi. Ora è in cerca di un lavoro ed è anche partita una raccolta fondi per aiutarlo.

Marco Grieco, lucano classe 1987, è giornalista. Archeologo di formazione, è cresciuto a pane e giornalismo. Ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Si occupa di inchieste sociali e politica estera, ma non disdegna la cultura e i temi pop. Curioso, ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, dove ama dare occhi e voce alle notizie nel mondo. Collabora con Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Grieco

Marco Grieco, lucano classe 1987, è giornalista. Archeologo di formazione, è cresciuto a pane e giornalismo. Ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Si occupa di inchieste sociali e politica estera, ma non disdegna la cultura e i temi pop. Curioso, ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, dove ama dare occhi e voce alle notizie nel mondo. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.