×

Treviso saluta Gabriele, il neonato di un mese morto di meningite

Ha vissuto meno di un mese: nulla da fare per il piccolo Gabriele, stroncato da una grave forma di meningite. Il caso all'ospedale di Treviso.

Neonato morto per meningite a Treviso

Dopo soli 42 giorni non ce l’ha fatta. E così Gabriele, neonato ricoverato all’ospedale di Treviso, è morto a seguito di una grave forma di meningite. Nel pomeriggio del 9 luglio si tengono i funerali a Spresiano.

Il neonato morto per meningite a Treviso

La storia del piccolo Gabriele è tragica. Il neonato è stato stroncato da una grave forma di meningite a soli 42 giorni di vita. Dal parto, sembrava che il piccolo stesse bene. Nella casa di Spresiano, però, i genitori si sono accorti che il piccolo non stava bene: aveva frequenti coliche e per questo era stato visitato da un pediatra. Lo specialista non aveva presagito una meningite.

Quando, ricoverato all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso, i medici si sono accorti di un’irregolarità alla fontanella, l’esito è stato spiazzante. A nulla è valsa un’operazione d’urgenza e il ricovero in terapia intensiva. Le condizioni di Gabriele non sono migliorate e il 7 luglio il cuore del piccolo ha smesso di battere. Grande vicinanza è stata mostrata ai genitori sia offline che online.

Meningite: cos’è e quali sintomi ha

Stando alle linee fornite dal Ministero della Salute, la meningite è un un’infiammazione delle meningi, le membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale. Solitamente, la meningite è provocata da batteri. Tuttavia, può essere causata anche da virus, fra cui quelli influenzali e del morbillo. Il decorso della meningite può essere molto rapido e portare alla morte entro le 24/48 ore. Per questo, è importante partire da una corretta autoanalisi, analizzando i sintomi più comuni.

Spesso sono i più piccoli a contrarla. In questo caso, l’intervento tempestivo è l’unico modo per limitare danni permanente, finanche la morte, come nel caso del piccolo Gabriele.

Lucano classe 1987, archeologo di formazione, ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, e collabora con Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Grieco

Lucano classe 1987, archeologo di formazione, ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, e collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora