×

Sequestrati 100 chili di alimenti a Poggiomarino: il blitz

Condividi su Facebook

I Nas hanno provveduto al sequestro di 100 chili di alimenti rinvenuti in pessime condizioni sanitarie a Poggiomarino.

sequestrati 100 chii alimenti poggiomarino
sequestrati 100 chii alimenti poggiomarino

A Poggiomarino (Napoli) sono stati sequestrati oltre 100 chili di alimenti tenuti in pessime condizioni igieniche in alcune macellerie e negozi di alimentari. Carne, pane e yougurt tra i prodotti privi di indicazioni sulla provenienza. I titolari li vendevano con la formula della promozione, violando le norme sanitarie vigenti.

Negli stessi giorni a Napoli è stato ritirato un lotto di vongole per la presenza di Escherichia Coli. Ben altro, invece, il motivo per cui il governo russo ha disposto il ritiro del gelato arcobaleno, accusato di propagandare gli ideali Lgbt.

Poggiomarino, 100 chili di alimenti sequestrati

Grazie alla collaborazione con le forze dell’Ordine di Napoli, i Nas hanno condotto un’indagine a Poggiomarino che ha portato al ritiro di oltre 100 chili di alimenti, sequestrati perché si trovavano in pessime condizioni dal punto di vista igienico.

Il blitz ha coinvolto diverse macellerie e negozi di alimentari del paese, riscontrando la mancanza di indici di tracciabilità su yougurt, pane e carne.

I titolari dei negozi vendevano i prodotti con l’inganno ai consumatori con la scusa delle promozione, a prezzi stracciati. Per le violazioni, i titolari degli esercizi commerciali dovranno pagare una multa di 3.000 euro.

Vongole tossiche

Sempre a Napoli, ad Ottaviano, la Guardia Costiera ha sequestrato mezzo quintale di vongole tossiche, pescate in un fondale pieno di metalli pesanti. “Il rischio potenziale per il consumatore finale è che le vongole pescate nella melma, possano arrivare anche attraverso i canali ufficiali, sulle nostre tavole ed essere dannose per le nostre famiglie“, così dichiarano dalla Guardia Costiera.

Le vongole sono molluschi filtratori e tutte le sostanze nocive, compresi i metalli pesanti, rimangono all’interno” ha spiegato Ivan Savarese, comandante della Guardia Costiera di Castellammare di Stabia.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.