×

Coronavirus, quest’estate vacanze annullate per un italiano su due

L'emergenza coronavirus ha cambiato le abitudini anche in fatto di vacanze, con un italiano su due che quest'estate ha deciso di non muoversi da casa.

coronavirus vacanze italiani e1595149623527 768x486

A causa dell’emergenza coronavirus l’estate 2020 non sarà all’insegna delle vacanze come gli anni precedenti, con circa la metà degli italiani che ha deciso di non muoversi dalla propria abitazione. Secondo un’indagine sull’impatto della crisi sanitaria realizzata nelle scorse settimane da Isnart- Unioncamere soltanto un italiano su due si concederà un periodo di vacanza, con un calo di circa il 40% rispetto allo scorso anno.

L’esodo vacanziero comprenderà complessivamente quindi circa 24 milioni di persone da luglio a settembre.

Coronavirus, in vacanza metà degli italiani

Secondo i dati dell’indagine di Isnart – Unioncamere di quella metà degli italiani che andrà in vacanza il 76,5% si recherà al mare, mentre la stragrande maggioranza dei vacanzieri sceglierà di non uscire dai confini della propria regione o di quella immediatamente confinante. Il 2020 sarà dunque un anno incentrato sulle ferie di prossimità, con ad esempio gli abitanti di Sicilia e Sardegna che hanno deciso di rimanere rispettivamente per l’83 e il 70% all’interno dei propri confini regionali.

Sempre la Sicilia tuttavia si conferma essere per quest’anno la metà turistica preferita dai villeggianti di tutto il Paese, dato che secondo l’indagine statistica circa 3 milioni di turisti decideranno di trascorrere le proprie ferie sull’isola, in aumento rispetto ai 2 milioni e 700 mila turisti del 2019. Al secondo e al terzo posto delle preferenze estive troviamo invece Puglia e Campania, che però registrano un calo delle prenotazioni del 10% e del 22%.

Lombardia disertata dai turisti

La regione che tuttavia ha subito il calo più forte di turisti è quella che negli scorsi mesi è stata l’epicentro nazionale dell’emergenza coronavirus: cioè la Lombardia. Per quest’anno la regione settentrionale subirà infatti una perdita di 800mila turisti, anche se cali analoghi possiamo trovarli anche nel Lazio (780mila turisti in meno), Marche (meno 660mila) ed Emilia-Romagna (meno 640mila). Un aspetto che all’interno del report viene così motivato: La paura dei contagi e una situazione economica in sofferenza sono le due principali motivazioni – espresse entrambe dal 30% degli intervistati – che terranno a casa quest’estate 21 milioni di italiani”.

Si segnala inoltre un sostanziale flop del bonus vacanze governativo, con soltanto il 7,4% degli italiani che ne ha usufruito e il 78,3% che ha dichiarato di non utilizzarlo.

Contents.media
Ultima ora