×

Coronavirus, il bilancio del 28 luglio 2020: 11 morti e 181 nuovi casi

Nella giornata del 28 luglio in Italia sono stati registrati 11 morti e 181 nuovi casi di coronavirus: il bilancio completo.

coronavirus, il bilancio in Italia del 28 luglio 2020

È di 11 morti, 181 nuovi casi di coronavirus e 163 guariti il bilancio aggiornato a martedì 28 luglio 2020, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità. Nella giornata precedente sono stati registrati 170 nuovi casi positivi, 5 decessi e 147 guarigioni.

Coronavirus: il bilancio di luglio e Italia divisa

La pandemia di Covid-19 lungo la Penisola si presenta a macchia di leopardo. Tanti e diversi sono i cluster che sono emersi. Alcune realtà hanno spinto le amministrazioni locali a fare delle scelte drastiche. È il caso di Caccuri, piccolo paesino della Calabria che ha isolato i suoi 1.500 abitanti.

La decisione è stata presa dalla sindaca, Marianna Caligiuri, dopo che una donna proveniente dalla Lombardia è risultata positiva al suo rientro al nord. Per almeno tre giorni è stata disposta la chiusura di tutte le attività, fatta eccezione per i supermercati. Preoccupa anche il cluster di Montecopiolo, comune in provincia di Pesaro Urbino. Secondo i primi tracciamenti sanitari, il contagio sarebbe scaturito da una cena di classe, dove un 42enne asintomatico ha generato un cluster.

Nella città marchigiano si contano 10 soggetti positivi: vi si aggiungono i 4 casi di Macerata e i 2 rispettivamente a Fermo e Ascoli Piceno.

Segrate ha sconfitto il coronavirus

Tira un sospiro di solliev, Segrate, città alle porte di Milano, ormai Covid-free. L’ultimo cittadin0 positivo era un bimbo di cinque anni, risultato negativo al tampone. A darne notizia, lo stesso sindaco Paolo Michelimche su Facebook ha scritto un lungo post in cui ha gioito per la bella notizia, ma anche invitato i cittadini a non abbassare la guardia. “La fine di un incubo” ha sottolineato il primo cittadino.

Intanto gli esperti avvertono che le cifre di oggi non devono indurre ad abbassare la guardia.

Contents.media
Ultima ora