×

Coronavirus, 2 decessi in poche ore a Napoli

Condividi su Facebook

Si registrano due nuovi decessi per coronavirus a Napoli, entrambi anziani. Salgono a 56 i casi nel giro di una settimana.

coronavirus napoli decessi
coronavirus napoli decessi

Il coronavirus torna a far paura a Napoli: tra il 29 e 30 luglio la città ha registrato due decessi: le vittime sono due anziani di cui non si conoscono le generalità. Il primo era stato ricoverato al Cotugno di Napoli, mentre l’uomo di mezza età da giorni si trovava ricoverato nel reparto di teraoia subintensiva.

Salgono a 56 i contagi nell’ultima settimana.

Coronavirus Napoli, 2 nuovi decessi

La città di Napoli torna a registrare 2 nuovi decessi per coronavirus, dopo 10 giorni di assenza. Nel giro di poche ore, mercoledì 29 luglio l’ospedale Cotugno ha registrato la morte di un anziano ultraottantenenne.

Nella mattinata di giovedì 30 luglio non ce l’ha fatta un altro uomo di mezza età ricoverato nel napoletano in terapia subintensiva per mezzo di un casco CPaP.

Si tratta di un particolare dispositivo che permette la respirazione artificiale, ma senza agire invasivamente come i ventilatori polmonari.

Il bollettino

Il bollettino quotidiano reso noto dall’Unità di Crisi della Campania torna a registrare numeri preoccupanti: “Nell’ultima settimana due spie rosse confermano la necessità di mantenere alta la guardia“, annuncia Marco Cartabelotta, presidente della Fondazione Gimbe.

Infatti- continua Cartabelotta- oltre al netto aumento dei nuovi casi, per la prima volta si registra un’inversione di tendenza nel trend dei pazienti ospedalizzati con sintomi, che era in costante discesa da inizio aprile“.

Secondo quanto riporta la fondazione, nella settimana dal 22-28 luglio la Campania avrebbe registrato un aumento di 56 casi: “La pandemia è ancora in corso. Il virus è vivo e vegeto e vanno mantenuti tutti i comportamenti individuali raccomandati da mesi, oltre che le misure di sorveglianza epidemiologica”, conclude Cartabelotta.

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Alborghetti

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.