×

Torino: madre curava marijuana del figlio spacciata per luppolo

Madre ingannata dal figlio: curava una piantagione di Marijuana credendo che fosse luppolo. La scoperta durante gli accertamenti della polizia.

Cannabis coltivata da 80enne
Torino - madre 80enne coltivava marijuana del figlio

Una donna di 80 anni non si era accorta dell’inganno messo in atto da suo figlio: faceva curare alla madre una piantagione di Marijuana dicendole che si trattava di luppolo per produrre birra.

Torino: madre curava marijuana del figlio

“Mi ha detto che era luppolo per la birra”. Si è giustificata così la donna di 80 anni dopo che gli agenti hanno trovato nella sua abitazione una piantagione di Marijuana. Inconsapevole della verità, la signora aveva provveduto ad annaffiare ed accudire la coltivazione con estremo riguardo. Grazie alle cure della signora alcune piante avevano raggiunto l’altezza di un metro e mezzo, mentre quelle più basse erano di circa 130 centimetri.

Come raccontato dalla stessa signora, le piantine le erano state portate dal figlio due settimane prima e le era stato raccomandato di curarle attentamente.

Una situazione alquanto insolita, dunque, per questa signora del Torinese. Senza alcuna intenzione disonesta si era affidata alle parole del figlio ed aveva semplicemente fatto la cosa per lei più naturale: prendersi cura delle piante.

L’arresto del figlio

Dopo l’accaduto, i carabinieri si sono recati presso l’abitazione del figlio, nel quartiere Mirafiori, Torino.

Qui, dov’è stata trovata anche la moglie dell’uomo, sono state individuate altre 18 piantine di Marijuana, una lampada per la coltivazione al chiuso e alcuni semi. I due, lei 28 anni e lui 49, sono stati arrestati per detenzione e coltivazione di sostanze illecite.

Oltre alle piantine ed al materiale utile alla loro coltivazione, sono stato rinvenuti all’interno della loro dimora anche una serie di proiettili di diverso calibro inesplosi. Per questa ragione l’uomo è stato denunciato per detenzione abusiva di armi.

Contents.media
Ultima ora