×

Coronavirus, bilancio del 31 luglio: 247.537 casi totali e 9 morti in più

Condividi su Facebook

Le autorità competenti hanno diramato il bilancio dei nuovi casi positivi di coronavirus registratisi venerdì 31 luglio 2020.

coronavirus, stop ai voli da serbia kosovo e montenegro
Il ministro Speranza lancia un messaggio ai cittadini per la fase 2 Coronavirus.

Il Ministero della Salute, insieme all’Istituto Superiore di Sanità e alle amministrazioni delle singole regioni, ha reso noto il bilancio dei contagi da coronavirus aggiornato a venerdì 31 luglio 2020. Rispetto alla giornata precedente si sono registrati 379 casi positivi, 9 decessi e 178 guarigioni/dimissioni in più.

Coronavirus: bilancio del 31 luglio 2020

Con queste cifre il totale delle persone diagnosticate positive dall’inizio dell’epidemia è salito a 247.537, quello relativo alle vittime a 35.141 e quello delle dimissioni/guarigioni a 199.974. Quanto invece al numero degli attualmente positivi presenti sul suolo nazionale esso ammonta a 12.422.

La stragrande maggioranza degli infetti, pari a 11.665, si trova in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi, 716 sono invece ricoverati e 41 sono intubati in terapia intensiva.

Rispetto al giorno precedente il primo dato è diminuito di 32 unità mentre il secondo di 7.

I tamponi effettuati dallo scoppio della pandemia sono 6.820.613 per un totale di 4.061.667 casi testati. Quelli processati nel corso della giornata sono pari a 68.444. Nel complesso le diagnosi positive sono pari allo 0,55% dei test diagnostici giornalieri.

Quanto al dato territoriale, la regione più colpita rimane la Lombardia, che dallo scoppio della pandemia ha registrato 96.219 casi con un incremento giornaliero pari a 77 unità.

Seguono poi Piemonte, Emilia-Romagna Veneto Toscana e Liguria che hanno tutte oltre 10 mila contagi.

La regione senza casi positivi

É soltanto una la regione che non ha registrato alcun caso positivo, ovvero la Valle d’Aosta. Sono comunque diverse quelle che hanno riscontrato incrementi minimi compresi tra 1 e 5 unità, tra cui Liguria (+4), Puglia (+2), Friuli Venezia-Giulia (+3), Abruzzo (+5), Umbria (+1), Calabria (+4), Molise (+1) e Basilicata (+3).

Ad esse si aggiunge la provincia autonoma di Trento (+2).

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.