×

Padre e figlio lanciano un cagnolino oltre il cancello di Muratella

Condividi su Facebook

Padre e figlio sono stati ripresi dalle videocamere mentre lanciavano un cane all'interno del canile Muratella.

Roma, padre e figlio lanciano cagnolino oltre il cancello del canile
Roma, padre e figlio di 10 anni lanciano un cagnolino all'interno del cancello del Muratella.

Ignari del fatto di essere ripresi dalle telecamere di sorveglianza, padre e figlio di 10 anni raggiungono con la loro auto il canile di Muratella e lanciano un cagnolino oltre il cancello. Probabilmente volevano sbarazzarsi del cucciolo in vista delle vacanze estive.

Lanciano cagnolino oltre il cancello del canile

Il cane era un cucciolo nero di soli cinque mesi. Erano le 21, orario in cui il canile non è aperto al pubblico. Probabilmente padre e figlio non volevano dare spiegazioni e hanno deciso di agire alla chetichella. Mentre l’uomo ha preso il cagnolino, lo ha sollevato e lo ha lanciato all’interno del Muratella, il ragazzino ha preso il guinzaglio e lo ha lanciato oltre il cancello, vicino alla povera bestiola.

Infine, i due hanno lasciato alcune scatolette di cibo e sono andati via. La notizia è stata pubblicata dalla pagina FacebookAnimalisti Italiani“. Fortunatamente il cagnolino sta bene e potrà essere adottato da qualcun altro.

Ripreso dalle telecamere

Le ragioni che hanno spinto l’uomo a lanciare il cane all’interno del cancello chiuso di Muratella non si conoscono. Si pensa che, dovendo partire per le vacanze estive, abbia deciso di abbandonarlo lasciandolo al canile.

Per fortuna le condizioni del cagnolino sono buone. E intanto è caccia alla persona che si è sbarazzata della bestiola: l’uomo è stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza, ed è probabile che anche la targa sia visibile dai filmati. Se rintracciato, verrà probabilmente denunciato dalle forze dell’ordine, in quanto abbandonare un animale è un reato piuttosto grave. Nel frattempo è iniziata la gara di solidarietà verso il cagnolino, che, sicuramente, troverà presto una nuova famiglia disposta ad accoglierlo.

Nata a Melito Porto Salvo (RC) nel 1982, si è laureata in Giurisprudenza nel 2011 presso l’università “Mediterranea” di Reggio Calabria e ha conseguito l’abilitazione forense nel 2016. Collabora con Notizie.it, Blasting News e alcuni blog di wine & food.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Camelia
4 Agosto 2020 18:31

Non capisco L incongruenza della legge: si può abbandonare un figlio non voluto o per altri motivi e non si può abbandonare una cane! Nel caso è stato lasciato in sicurezza e con cibo.


Contatti:
Giuseppina Maria Rosaria Sgrò

Nata a Melito Porto Salvo (RC) nel 1982, si è laureata in Giurisprudenza nel 2011 presso l’università “Mediterranea” di Reggio Calabria e ha conseguito l’abilitazione forense nel 2016. Collabora con Notizie.it, Blasting News e alcuni blog di wine & food.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.