×

Coronavirus, Catania: panettiere picchiato, “colpa” della mascherina

Condividi su Facebook

A Catania le conseguenze secondarie del Coronavirus: panettiere picchiato da un cliente per averlo invitato ad indossare la mascherina.

Coronavirus, a Catania panettiere picchiato: colpa della mascherina
Coronavirus, "per una mascherina" picchiato panettiere a Catania.

“Colpa” della mascherina anti Coronavirus, a Catania un panettiere è stato picchiato per futili motivi. L’uomo, inoltre titolare dell’esercizio, aveva intimato ad alcuni clienti di indossare il dispositivo di protezione individuale all’interno del negozio.

Catania, panettiere picchiato per la mascherina

L’invito non è stato ben accolto da tutti, tanto che uno di questi si è scagliato contro il panettiere e ha iniziato a picchiarlo. Il 37enne di Giarre, arrestato dai carabinieri accorsi sul posto, è risultato anche colpevole di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, oltre che di lesioni personali.

A pagare le conseguenze della sua brutale aggressione, anche i parenti del titolare del panificio catanese, accorsi in difesa dell’uomo.

I carabinieri hanno tentato di calmare il 37enne ma questi, come in preda ad un raptus di rabbia, avrebbe spintonato violentemente anche gli agenti, peggiorando la sua posizione. Solo le manette ai polsi sono riuscite a contenerlo, non c’era altro modo per neutralizzare gli attacchi se non quello di portarlo in caserma.

Effetti secondari del Coronavirus

Per via dei traumi e delle lesioni riportate, sia il titolare del panificio che i suoi parenti, tra i quali due donne, si sono dovuti recare presso il pronto soccorso dell’ospedale di Acireale.

Secondo i referti medici, non hanno fortunatamente subito gravi danni e la prognosi è quella dei regolari 10 giorni. A seguito di accertamenti da parte delle forze dell’ordine, l’aggressore è tornato a casa per passare un periodo agli arresti domiciliari.

Non è purtroppo la prima volta, durante la pandemia, in cui si sente parlare di aggressioni per via delle mascherine. A Torino ci sono stati diversi episodi di violenza ai danni di autisti di bus cittadini, che avevano semplicemente intimato ai passeggeri di tenere indosso il Dpi.

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Cecilia Lidya Casadei

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.