×

Morte piccolo Evan, l’autopsia rivela trauma cranico

Condividi su Facebook

Secondo l'autopsia effettuata a Modica, pare che il piccolo Evan sia morto a causa di un grave trauma cranico provocato dai maltrattamenti.

evan autopsia trauma cranico
evan autopsia trauma cranico

Nella giornata di mercoledì 19 luglio all’ospedale di Modica (Ragusa) è sata effettuata l’autopsia del piccolo Evan, morto probabilmente per un grave trauma cranico. Il piccolo di 21 mesi presentava ematomi e lividi su tutto il corpo, segni evidenti di maltrattamenti domestici.

Fermati la madre e il compagno per maltrattamenti e aggressioni su minori. Il padre naturale di Evan svela: “Avevo già denunciato i maltrattamenti”.

Evan morto per trauma cranico

Giungono nuovi aggiornamenti sul caso della morte del piccolo Evan, il bambino del ragusano che secondo l’autopsia sarebbe morto per un trauma cranico. Il bimbo di 21 mesi presenteva numerosi lividi ed ematomi, segni evidenti di gravi maltrattamenti subiti negli ultimi mesi da parte della madre Letizia Spatola e il compagno Salvatore Blanco.

L’autopsia ha confermato che le lesioni sono riconducibili ad un’aggressione.Tanto basta per la Procura di Siracusa che ha provveduto all’arresto immediato della madre e del compagno per abusi, aggressioni e maltrattamenti domestici.

Le denunce del padre

La madre di Evan si era trasferita in Liguria con il suo nuovo compagno Salvatore Blanco, dopo il divorzio con l’ex marito Stefano Piccolo. Proprio il padre naturale di Evan ha svelato come nei mesi precedenti lui abbia denunciato i maltrattamenti: “Nessuno si è mosso dopo la mia denuncia“.

Nella giornata di giovedì 20 agosto si svolgeranno gli interrogatori di garanzia per la madre e compagno di Evan. Spetterà al Gip di Siracusa decidere se i due accusati dovranno rispondere di omicidio volontario, oltre al reato di maltrattamenti e lesioni in famiglia.

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Alborghetti

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.