×

Abruzzo, prima zona rossa dopo il lockdown: chiusa frazione di Lucoli

Condividi su Facebook

Il sindaco di Lucoli, in Abruzzo, ha chiuso la frazione di Casamaina a causa di 12 positivi: è la prima zona rossa dopo il lockdown.

zona rossa in abruzzo

Si trova in Abruzzo la prima zona rossa d’Italia dopo la fine del lockdown. Il sindaco di Lucoli (provincia de L’Aquila) Valter Chiappini ha deciso la chiusura della frazione di Casamaina dopo il rilevamento di 12 positivi, tutti appartenenti allo stesso nucleo familiare.

Abruzzo, zona rossa a Lucoli

Sono solo 12 i positivi individuati nel piccolo comune abruzzese, pochi se paragonati ad altri focolai sparsi per la penisola (basti pensare a quelli rilevati in un’azienda di Eboli o nello stabilimento Aia in provincia di Treviso), ma abbastanza, secondo il primo cittadino, per chiudere i confini e eseguire tamponi a tappeto sugli altri abitanti.

Non potevo aspettare, mi avrebbero potuto accusare di non aver arginato il contagio” ha spiegato il sindaco. Al momento sono 147 i tamponi effettuati (18 i risultati già arrivati: tutti negativi), ha continuato Chiappini: “Con grande senso civico, si sono presentati non solo i residenti ma anche i dimoranti. Questo allungherà un po’ le procedure per avere gli esiti. C’è anche il weekend di mezzo”.

La zona rossa resterà in vigore dalla mezzanotte del 28 agosto alla mezzanotte del 1 settembre.

L’allarme dell’Iss

Quello a Lucoli è solo uno dei 490 nuovi focolai rilevati dall’Iss. L’Istituto, nella giornata del 27 agosto, ha invitato alla prudenza, sottolineando che l’aumento dei casi (1.411 secondo l’ultimo bilancio del Ministero della Salute) e l’abbassamento dell’età media dei nuovi positivi, scesa a 29 anni, sono indice di un peggioramento della situazione nel Paese.

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Medium Claudio
28 Agosto 2020 09:47

cittadini italiani e non italiani, denunciate il sindaco non ha poteri per fare questo e contro i diritti dell’uomo della libertà e anche contro la costituzione , incominciate a ribellarvi , non fatevi fregare per la seconda volta , il vostro sindaco si e messo d’accordo con qualchuno del governo ok denunciate subito .


Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.