×

La nave Sea Watch è sotto fermo amministrativo delle autorità italiane

Condividi su Facebook

Resterà attraccata nel porto di Palermo la nave Sea Watch 4 dopo il fermo amministrativo disposto dalle autorità italiane. Le Ong contro il governo.

La nave Sea Watch è sotto fermo amministrativo delle autorità italiane

La nave Sea Watch 4, dell’Ong tedesca Sea Watch, è stata posta sotto fermo amministrativo delle autorità italianea Palermo. “Il chiaro scopo era quello di trovare motivazioni pretestuose per impedirci di tornare a salvare vite” è stato il commento dei portavoce dell’Ong, che parla di strumentalizzazione del caso.

La Sea Watch sotto fermo amministrativo

Domenica 20 settembre la nave dell’Ong Sea Watch è stata posta sotto fermo e attraccata nel porto di Palermo. La decisione ha suscitato la dura reazione delle organizzazioni umanitarie.

Secondo Medici Senza Frontiere, si tratta di una “decisione che avrà conseguenze devastanti per chi in mare avrà bisogno di assistenza. Stando a quanto riferiscono gli stessi partecipanti all’operazione, il fermo è stato imposto mentre sull’imbarcazione erano in corso operazioni di assistenza e recupero dei naufraghi. Una decisione “puramente politica” sottolinea Sea Watch. Queste operazioni avvengono mentre si approssima la data dell’adozione del Patto europeo sulla migrazione, il 23 settembre prossimo.

Msf: “Fermo fallimento delle politiche europee”

Contro la decisione del governo, Medici Senza Frontiere invita a una veloce risoluzione dell’impasse. Per l’organizzazione, i fermi amministrativi sulle imbarcazioni deputate al soccorso e all’assistenza dei migranti, suggeriscono il fallimento delle politiche europee: “Il Patto europeo sulla migrazione, il campo di Moria in Grecia, suggeriscono che le politiche europee trattengono, respingono e abbandonano sistematicamente le persone” è stata la reazione. Nel frattempo, l’Ong chiede l’immediato rilascio della nave Sea Watch 4 perché possa ritornare a salvare vite nel Mediterraneo.

Lucano classe 1987, archeologo di formazione, ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, e collabora con Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Grieco

Lucano classe 1987, archeologo di formazione, ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, e collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.