×

Omicidio Vannini, Antonio Ciontoli condannato a 14 anni di carcere

Condividi su Facebook

Antonio Ciontoli è stato condannato a 14 anni di carcere per l'omicidio di Marco Vannini. Condanne a 9 anni invece per la moglie e i due figli.

processo vannini, condannato ciontoli

Nella giornata del 30 settembre Antonio Ciontoli è stato condannato a 14 anni di carcere per l’omicidio di Marco Vannini, mentre per la moglie e i due figli sono stato emesse condanne a 9 anni e 4 mesi di reclusione.

Nel corso delle dichiarazioni spontanee, Ciontoli aveva affermato: Chiedo perdono per quello che ho commesso e anche per quello che non ho commesso. So di non essere la vittima ma il solo responsabile di questa tragedia”.

Omicidio Vannini, condannato Ciontoli

Inizialmente l’accusa, rappresentata dal procuratore generale Vincenzo Severiano, aveva chiesto una condanna a 14 anni per tutti i componenti del nucleo familiare, ma successivamente era stato chiesto in subordine alla Corte di valutare una pena di 9 anni e 4 mesi per i parenti del sottufficiale di Marina: la moglie Maria Pezzillo e i figli Martina e Federico. Durante le repliche in Aula, lo stesso Severiano aveva inoltre precisato: “Tutti i soggetti sono rimasti inerti, non hanno alzato un dito per aiutare Marco.

[…] Tra la vita di Marco e il posto di lavoro del capofamiglia, hanno scelto la seconda cosa. La difesa aveva invece chiesto una condanna a 5 anni per Ciontoli e l’assoluzione per i familiari.

Nel corso delle dichiarazioni Ciontoli si era già assunto la piena responsabilità di quanto accaduto quella notte tra il 17 e il 18 maggio del 2015: “Sulla mia pelle sento quanto possa essere insopportabile, perché innaturale, dover sopportare la morte di un ragazzo di vent’anni, bello come il sole e buono come il pane.

Quando si spegneranno le luci su questa vicenda, rimarrà il dolore lacerante a cui ho condannato chi ha amato Marco. Resterà il rimorso di quanto Marco è stato bello e di quanto avrebbe potuto esserlo ancora e che a causa del mio errore non sarà. Marco è stato il mio irrecuperabile errore.

Le parole della madre di Vannini

Atteso da parte dei giornalisti anche il commento della madre di Marco Vannini, che poco dopo l’annuncio della sentenza ha dichiarato: “Finalmente è stato dimostrato quello che era palese fin dall’inizio.

Se fosse stato soccorso subito Marco sarebbe qui. La giustizia esiste e per questo non dovete mai mollare”.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.