×

Coronavirus, i 3 scenari possibili per l’Italia

Condividi su Facebook

I 3 scenari per l'Italia da qui al primo gennaio 2021 tenendo conto l'ipotesi del liberi tutti, dell'attuale status quo e dell'uso della mascherina.

Coronavirus 3 scenari per l'Italia

In Italia i casi di coronavirus continuano a salire. Il trend registrato negli ultimi giorni lo dimostra: 5.372, il 9 ottobre, 4.458 il giorno precedente e 3.678 quello prima ancora. Dati che senza dubbio preoccupano, ma che vanno analizzati anche in riferimento al diverso periodo storico rispetto alla cosidetta prima ondata della scorsa primavera.

È vero che il numero di positivi quotidiani è uguale a quelli di aprile, ma i tamponi effettuati giornalmente sono saliti in maniera esponenziale per permettere di andare ad individuare anche i molti asintomatici. Questo non vuol dire certo che è concessa una minore attenzione che, anzi, deve rimanere altissima per evitare che il contagio possa continuare ancora a diffondersi. Lo testimonia anche il numero dei ricoverati e dei pazienti che richiedono la terapia intensiva che al momento sono ancora in un quantitativo gestibile anche in virtù dei lavori di incremento fatti in tal senso negli ultimi 9 mesi.

In Europa ci sono paesi con numeri decisamente più aspri ed è da questi dati che l’Italia deve cercare riparo, cercando di evitare di ritrovarsi in condizioni simili. Quale dunque il futuro della penisola? Difficile dirlo, ma sembrano 3 al momento gli scenari possibili per l’Italia

LEGGI ANCHE: Coronavirus, i quattro scenari del Cts per la seconda ondata

Coronavirus, i 3 scenari per l’Italia

Gli scenari, riportati da Inside Over, analizzano le variabili del numero di morti totali, dei decessi quotidiani e del ritmo dei contagi in relazione a tre diverse domande: 

  1. Cosa succederebbe il primo gennaio se dovessero essere allentate le misure di sicurezza?
  2. Cosa accadrebbe se tutto dovesse restare così come oggi?
  3. Cosa accadrebbe se tutti indossassero le mascherine?

Variabile 1: morti totali

Al momento, 10 ottobre, i morti totali in Italia per il coronavirus sono oltre 36mila. Nel primo scenario, che prevede allentamento delle misure di sicurezza, alla fine dell’anno potrebbe esserci un drastico inasprimento delle vittime. La soglia potrebbe arrivare a 105.183 entro il primo gennaio 2021. Nel secondo scenario, quindi se tutto dovesse restare così com’è ora ma senza l’uso costante della mascherina, i decessi continuerebbero comunque a salire: la stima è di 60.129 vittime entro l’inizio del 2021.

Più basso invece il terzo dato ottenibile nel caso in cui tutti indossasero la mascherina: la soglia dei morti totali al 1° gennaio sarebbe di 49mila vittime. 

Variabile 2: decessi quotidiani

Quanto fin qui detto per i morti totali può essere analizzato anche nello specifico riferendosi ai decessi quotidiani possibili nei 3 diversi scenari. Nel primo, il più libertino, il numero giornaliero di vittime del covid in Italia salirebbe a 4mila, mentre in quelli più stringenti, il secondo e il terzo, si configurerebe rispettivamente intorno a 655 e 411

Variabile 3: ritmo dei contagi

Il ragionamento fin qui utilizzato può riferirsi anche al ritmo dei contagi giornalieri. Nello scenario privo di misure di sicurezza questi potrebbero arrivare a quota 287mila in 24 ore. Con l’attuale status quo, invece, a gennaio 2021 potrebbero esserci circa 30mila casi al giorno, numero che scenderebbe a 20mila con l’ausilio delle mascherine.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.