×

Coronavirus, Vergallo: “Raddoppiati i ricoveri in terapia intensiva”

Condividi su Facebook

"Non è la risacca della prima ondata, è una seconda ondata. Le persone in rianimazione sono raddoppiate", ha detto il presidente degli anestesisti.

coronavirus Vergallo terapia intensiva

Preoccupa l’incremento dei contagi da coronavirus in Italia, dove sono in aumento anche i ricoveri in ospedale: lo denuncia Alessandro Vergallo, presidente dell’Associazione anestesisti, il quale ha fatto sapere che il numero delle persone costrette al ricovero in terapia intensiva è raddoppiato nell’arco di poco più di una settimana.

Coronavirus, Vergallo: allarme terapie intensive

Intervenuto alla trasmissione “L’imprenditore e gli altri”, condotta da Stefano Bandecchi, fondatore dell’UniCusano, il presidente nazionale dell’Associazione Aaroi-Emac ha dichiarato: “Questa non è la risacca della prima ondata, è una vera e propria seconda ondata.

Noi vediamo oggi una fotografia degli effetti di contagi avvenuti due-tre settimane fa. Per questo dobbiamo cercare di immaginare in prospettiva quella che sarà la fotografia di oggi che vedremo fra tre settimane. I numeri delle persone in rianimazione ci dicono una cosa: nel giro di poco più di una settimana siamo passati da 200 a circa 450. Sono di fatto raddoppiati in questo arco di tempo”. Quindi ha ribadito: “Il numero è relativamente basso, ma dimostra che non siamo di fronte a una curva lineare, bensì a un’iniziale curva esponenziale.

Mentre il Cts ha delineato quattro scenari in cui l’Italia potrebbe trovarsi con l’arrivo di una seconda ondata, Alessandro Vergallo non nasconde la sua preoccupazione e sottolinea che il rischio è alto “soprattutto nelle regioni che non hanno affrontato l’onda pandemica iniziale. Questa è una vera e propria seconda ondata, per questo lanciamo il messaggio di tenere alta l’attenzione”.

Quindi ha precisato: “Ha un culmine più basso come numeri solo perché si sono poste in atto nel frattempo tutte le misure di contenimento sociale. È chiaro che con la ripresa c’era da attendersi un rialzo, ma questo non significa abbassare la guardia”.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.