×

Ferrara: litiga con la moglie e l’accoltella al volto

Condividi su Facebook

Un marocchino ai domiciliari per droga dopo una lite familiare accoltella al volto la moglie che fugge in strada insanguinata. Arrestato dai CC

elicottero elisoccorso in azione

Una donna di 49 anni è stata trovata seduta sul marciapiede vicnio ad un’auto che pareva averla investita. Subito scattati i soccorsi gli operatori giunti sul posto si sono accorti che aveva diverse ferite da taglio alla testa e alle mani.

Agli operatori dell’emergenza è bastata un’occhiata alle lesioni per capire a cosa erano davanti. Dopo le prime cure sul posto, la donna è stata trasportata all’ospedale con l’elisoccorso decollato da Ravenna e atterrato dopo pochissimo tempo all’ospedale di Cona, dove ancora ricoverata.

Litiga e accoltella la moglie

Secondo la ricostruzione degli inquirenti si tratta di un dramma familiare che si è consumato venerdì mattina dentro un appartamento di Massenzatica, al civico 38 di via Indipendenza.

Erano circa le 8,30 e il marito della donna, nordafricano come lei, era in casa essendovi costretto da una misura cautelare personale per ragione di stupefacenti, provvedimento risalente al maggio scorso. Stando a quanto emerso finora, dopo un acceso diverbio tra i coniugi per ragioni che sono ancora in corso di accertamento la donna sarebbe stata colpita diverse volte con un coltello da cucina. Le lesioni più gravi sono quelle riportate all’altezza del volto, per le quali i medici del Sant’Anna hanno ritenuto necessario un intervento chirurgico.

La prognosi non è ancora stata sciolta ma pare che le ferite potrebbero causarle danni permanenti alla vista o, addirittura, la perdita di un occhio. La lama utilizzata per l’aggressione è stata ritrovata dai Carabinieri ancora nella casa ed è stata sequestrata.

I Carabinieri lo hanno arrestato

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri del nucleo operativo della Compagnia di Comacchio supportati dai colleghi del nucleo investigativo di Ferrara che si sono occupati dei rilievi tecnici.

Hanno trovato l’uomo in casa, marocchino di 59 anni residente in città da tempo con i vestiti ancora imbrattati di sangue e la lama utilizzata per il ferimento. I figli della coppia, fortunatamente, non erano in casa e non hanno assistito all’evento. Per questa ragione gli inquirenti ritengono si sia trattato di un fatto premeditato. Le indagini in corso serviranno a ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto e le ragioni dell’aggressione.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.