×

Scienziati: “Misure insufficienti, rischiamo 16 mila casi al giorno”

Condividi su Facebook

Coronavirus, Cts ignorato. Ora gli scienziati si scagliano contro il Dpcm del 18 ottobre: "Serviva il lockdown, avremo 250 morti al giorno".

Scienziati Misure insufficienti

Gli esperti del Comitato Tecnico Scientifico (Cts), in merito all’ultimo Dpcm del 18 ottobre anti Coronavirus, annunciano: “Serviva il lockdown, avremo 250 morti al giorno“.

Scienziati: “Rischiamo 16 mila casi al giorno”

Chiaro il messaggio di allerta degli del Cts al quotidiano La Stampa: “Tra due settimane, le vittime di oggi, moltiplicate per quattro, diventeranno già più di 250 al giorno”.

Gli esperti infatti speravano in un intervento più contenitivo come un mini lock down e confidavano nella chiusura delle attività alle 22. Al contrario il governo non li ha tenuti in considerazione approvando un decreto che secondo loro è inadeguato e pericoloso. Scienziati che mostrando i modelli previsionali di sviluppo dei contagi, chiedevano misure contenitive: “altrimenti tra 15 giorni andremo a sbattere contro un muro, con oltre 16 mila contagiati al giorno e una situazione negli ospedali totalmente ingestibile“.

“Se chiudiamo oggi riapriamo a marzo”

Il coordinatore del Cts, Miozzo in merito all’emergenza Coronavirus ha precisato, nel corso di un’intervista su Radio Capital che: “Questo Dpcm di fatto ha attivato delle risorse straordinarie che possono essere messe in campo soprattutto per rafforzare la sanità del territorio. C’è molta durezza e delle limitazioni fortissime. Del resto siamo ancora lontani dalla stagione invernale e dal picco dell’influenza e dobbiamo essere prudenti, se chiudiamo oggi riapriamo a marzo“.

45 anni, mamma single di 2 figli. Fin da ragazza ha coltivato la passione per l'arte a 360 gradi. Diventata giornalista subito dopo la laurea, ama lo sport e insegno aerobica e acquagym per passione.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Cichero

45 anni, mamma single di 2 figli. Fin da ragazza ha coltivato la passione per l'arte a 360 gradi. Diventata giornalista subito dopo la laurea, ama lo sport e insegno aerobica e acquagym per passione.

Leggi anche

Contents.media