×

Torino, pensionata: “Rischio ictus ma il cardiologo non mi visita”

Condividi su Facebook

Una donna di 77 anni non viene visitata dal cardiologo nonostante il rischio di ictus per via del Coronavirus.

Cardiologo

casi di Coronavirus continuano ad aumentare e la situazione negli ospedali inizia ad essere molto critica. Mancano i posti in terapia intensiva e in molte strutture sono stati sospesi i ricoveri, se non urgenti. Anche la situazione visite sta diventando sempre più complicata, come è accaduto ad una pensionata di 77 anni, che non riesce a farsi visitare dal cardiologo nonostante il rischio di ictus.

La denuncia di una pensionata

In Italia le liste di attesa per riuscire ad avere un appuntamento per una visita sono sempre più lunghe, soprattutto a causa dell’emergenza Coronavirus. La Stampa ha pubblicato la denuncia di una pensionata di Torino, che da mesi attende di essere visitata dal cardiologo perché rischia un ictus. Elisabetta è una donna di 77 anni, con un marito di 82 e un figlio di 50.

Abita in uno dei quartieri più popolari di Torino e da mesi è a rischio ictus. A Marzo aveva una visita dal cardiologo, per cambiare la cura che stava seguendo in quanto non andava più bene. La visita è saltata a casua del lockdown e la donna è ancora in attesa.

Me lo ricordo quel mattino: mi hanno chiamata dall’ospedale e mi hanno detto, ‘cara signora le faremo sapere quando potrà venire’. Sono passati esattamente sette mesi da quel giorno e sono ancora qui che aspetto che mi dicano qualcosa” ha spiegato la donna.

La 77enne non sa neppure se riuscirà ad andare all’appuntamento che ha prenotato a Novembre. “Ho un appuntamento programmato per il 18 di novembre, ma soltanto Dio sa se ci sarà o me lo annulleranno all’ultimo momento. Mi avevano chiesto degli esami. Sono andata a farli in una struttura privata convenzionata. Io non so più a che santo votarmi per uscire da questa situazione” ha raccontato la donna, che ha ammesso di non vivere bene questa situazione e di uscire il meno possibile di casa. 

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

proteste anti lockdown estrema destra
Cronaca

Avete voluto l’odio? Ora governatelo

4 Dicembre 2020
Questo odio viene da lontano: con la rabbia si è giocato molto spericolatamente per concimare qualche voto e per un po’ di visibilità pubblica.
Contents.media