×

Trasporto organi d’urgenza della Polizia con la Lamborghini a 230 km/h

Condividi su Facebook

Avventura da record per una Lamborghini della Polizia che in 3 ore è riuscita a raggiungere Roma da Padova per un trasporto di organi urgente.

polizia trasporto organi lamborghini

Trasporto di organi da record per la Polizia di Stato di Padova che grazie alla velocità della loro Lamborghini Huracan è riuscita a raggiungere Roma in 3 ore. L’auto super veloce ha viaggiato a 230 chilometri/orari in autostrada ed è arrivata all’ospedale Gemelli dove la attendevano i medici che avrebbero compiuto il trapianto.

Trasporto organi d’urgenza: la polizia sfreccia in lamborghini

Corsa in autostrada a 230 km/h per riuscire a portare in tempo un rene all’ospedale Gemelli di Roma per un trapianto. La Polizia di Stato di Padova si è messa al volante della Lamborghini Huracan e grazie all’estrema potenza di cui è disposta l’auto, sono riusciti ad arrivare in tre ore a Roma con l’organo pronto per essere trapiantato in un paziente dell’ospedale romano.

L’organo è partito sfrecciando sulla sua Lamborghini martedì 20 ottobre, dall’ospedale civile di Padova. L’automobile di cui è dotata da Polizia di Stato è spesso utilizzata per situazioni estreme, come quella accaduta proprio a Padova. Per questo motivo, la Lamborghini Huracan è equipaggiata per svolgere attività salvavita. In particolare, nel bagagliaio anteriore è presente l’attrezzatura che permette di conservare gli organi da trapiantare.

All’interno della vettura è incluso anche un defibrillatore in caso di intervento d’urgenza sulle persone. 

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Maria Zanghì

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.

Leggi anche

Contents.media