×

Fermata senza mascherina, Uil: “Gogna mediatica per vigili”

Condividi su Facebook

La denuncia della Uil per la gogna mediatica contro i vigili che hanno fermato la signora senza mascherina.

Fermata senza mascherina
Fermata senza mascherina

Le nuove restrizioni decise dal Governo non vengono ancora rispettate da tutti. Una donna è stata fermata dai vigili in Piazza della Repubblica a Firenze, mentre era in giro con il suo cane senza mascherina. La scena è stata ripresa con un cellulare e ha fatto il giro del web, scatenando non poche polemiche.

I vigili sono stati presi di mira e sono stati tanti i commenti contro il loro comportamento.

Fermata senza mascherina: denuncia

La donna in questione era senza mascherina quando è stata fermata, ma ha reagito protestando e insultando gli agenti, che hanno provato in tutti i modi a calmarla. La donna non aveva nessuna intenzione di indossare il dispositivo di protezione, nonostante le parole delle forze dell’ordine. Quando il video è finito sul web nel mirino degli utenti sono finiti i vigili.

La gogna mediatica che la polizia municipale di Firenze sta subendo” a seguito dei “atti accaduti in centro è veramente vergognosa. Come sindacato ci auguriamo che il comando usi tutte le proprie risorse per denunciare e perseguire le centinaia di persone che stanno gettando fango sulla divisa che con fatica e coraggio difendiamo tutti i giorni. Stesso appello lo giriamo all’amministrazione comunale al fine di tutelare i propri dipendenti” è il comunicato della Uil.

I vigili sono stati presi di mira sul web, insultati sui social dove ha iniziato a girare il video del fermo della donna. L’intervento è stato necessario, in quando la donna non indossava la mascherina. Ma la contestazione è stata immediata, sia da parte della persona fermata sia da parte degli utenti del web. Molti passanti hanno difeso la donna, prendendosela a loro volta con gli agenti che l’avevano fermata.

La donna è stata denunciata per resistenza a pubblico ufficiale, ma sul web sono continuate le polemiche, come ha denunciato la Uil.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media