×

Scuola, al vaglio didattica a distanza a partire dalla terza media

Condividi su Facebook

Con l'imminente approvazione del prossimo Dpcm, il governo starebbe valutando l'ipotesi di far partire la didattica a distanza dalla terza media.

A poche ore dalla firma del prossimo Dpcm, che dovrebbe essere annunciato nella serata di lunedì 2 novembre, il governo starebbe valutando ulteriori restrizioni per quanto riguarda il settore scolastico, in particolare proponendo l’utilizzo della didattica a distanza a partire dalla terza media e non solo dalle superiori come previsto ora.

Una decisione che andrebbe contro i proclami fatti dallo stesso esecutivo fino a questo momento, con la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina che ha sempre strenuamente difeso la necessità di una didattica in presenza anche a fronte dell’aumento dei contagi.

Didattica a distanza dalla terza media

Con l’avvio della didattica a distanza al 100% anche per le classi della terza media gli studenti che seguiranno le lezioni da casa potrebbero giungere a circa un milione, mentre per il momento gli alunni delle scuole dell’infanzia, delle elementari e dei primi due anni delle medie rimarrebbero con le lezioni in presenza.

Fino ad ora la didattica a distanza è prevista soltanto per le scuole superiori e interessa il 75% dell’orario scolastico, con modulazioni dell’orario a seconda delle esigenze dei singoli istituti.

La possibilità di implementare la didattica a distanza anche per gli alunni di terza media va però contro le dichiarazioni della stessa ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che soltanto 24 ore fa dichiarava: Tenere le scuole aperte significa aiutare le fasce più deboli della popolazione. Significa contrastare l’aumento delle disuguaglianze, un effetto purtroppo già in corso, a causa della pandemia. Significa tutelare gli studenti, ma anche tante donne, tante mamme, che rischiano di pagare un prezzo altissimo”.

Secondo l’Azzolina infatti, tornare alla didattica a distanza potrebbe far aumentare il tasso di abbandono scolastico tra gli adolescenti.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Contents.media