×

Boom di download per l’app Immuni: crescono anche le notifiche

Condividi su Facebook

9,5 download a ottobre: forte aumento nell'installazione dell'app Immuni.

app Immuni
Boom di download per l'app Immuni a ottobre.

È boom di download per l’app Immuni a ottobre: cresce il numero di utenti che hanno installato l’applicazione, e crescono anche le notifiche di possibile esposizione al coronavirus.

App Immuni: 9,5 milioni di download

In meno di un mese, i download dell’applicazione sono hanno raggiunto i 9,5 milioni, 3 milioni in più rispetto ai 6,6 milioni di inizio ottobre.

Per l’applicazione dedicata a tracciare i contatti Covid, disponibile da giugno, si tratta di una forte accelerazione.

Aumentano anche le notifiche

Crescono in Italia anche le notifiche di possibile esposizione al coronavirus inviate da Immuni, grazie alla spinta del Dpcm in vigore dal 19 ottobre, che ha previsto l’obbligo per le Asl di segnalare il contagio sulla app.

Conseguenza: in dodici giorni le notifiche sono più che triplicate, arrivando, da 16mila, a 54mila a fine ottobre.

Sono raddoppiati anche gli utenti positivi al virus che hanno caricato le proprie chiavi sulla app, registrando un picco giornaliero il 30 ottobre (180 utenti).

Lombardia in testa

I dati riferiti alla settimana del 19-25 ottobre mostrano il primato della Lombardia, con 3.672 notifiche e 112 casi di positività. Ad essa seguono: Emilia Romagna (2.387 notifiche, 83 positivi) e Lazio (2.359 messaggi di possibile esposizione e 67 positivi).

Applicazioni Covid in Germania e Regno Unito

Nonostante la forte accelerazione di Immuni, i numeri sono ancora lontani da quelli della Germania e del Regno Unito:

  • Corona Warning App. L’applicazione tedesca ha più del doppio dei numeri di quella italiana: al 22 ottobre risulta scaricata 20,3 milioni di volte.
  • Nhs Covid-19. Lanciata il 20 settembre, ha raggiunto i 6 milioni di download nel primo giorno di lancio: l’applicazione britannica ha superato i 10 milioni di download in appena tre giorni e al momento è a quota 19 milioni.

Nata a Milano il 30 dicembre del 1999, dopo il diploma al liceo linguistico Claudio Varalli ha proseguito gli studi all’Università Statale di Milano nella facoltà di Mediazione linguistica e culturale dove studia inglese e francese.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Annachiara Musella

Nata a Milano il 30 dicembre del 1999, dopo il diploma al liceo linguistico Claudio Varalli ha proseguito gli studi all’Università Statale di Milano nella facoltà di Mediazione linguistica e culturale dove studia inglese e francese.

Leggi anche

Contents.media