×

In fuga dalla zona rossa per portare droga in Riviera: arrestato

Condividi su Facebook

Da Milano alla Riviera: fermato dai carabinieri un 32enne in fuga dalla zona rossa. Nascosto nelle mutande aveva mezzo chilo di eroina.

Fuga dalla zona rossa per portare droga in Riviera: arrestato

Un altro caso di fuga dalla zona rossa, questa volta per portare droga in rivera. Il protagonista della vicenda è stato bloccato e arrestato dai carabinieri, che lo hanno trovato in possesso di mezzo chilo di eroina. I militari di Albenga hanno fatto cadere nella loro rete un 32enne, C.M., che da tempo tenevano d’occhio nei suoi movimenti.

Il cittadino straniero infatti è stato notato uscire dalla stazione ferroviaria con fare circospetto. A quel punto per i militari dell’Arma bloccarlo e far scattare la perquisizione è stato un attimo.

Fuga dalla zona rossa con la droga

Militari che hanno fatto ‘bingo’. Addosso al 32enne, per la precisione nelle mutande, è stato trovato un involucro che ad una pesa successiva avrebbe totalizzato il mezzo chilo. Mezzo chilo di eroina risultata essere purissima al narcotest.

Tanto pura che da quel quantitativo iniziale ci si sarebbero potute ricavare dalle 500 alle 600 dosi singole, con un margine di guadagno enorme. L’uomo si stava muovendo secondo un clichet ormai affermato nelle grandi aree metropolitane, dove gli spacciatori operano anche svincolati dal capestro delle grandi organizzazioni e si riuniscono in piccole ed efficienti bande.

Per il pusher si sono schiuse le porte del carcere di Imperia, dove il suo arresto dovrà essere convalidato dal giudice.

Secondo una lettura degli inquirenti che trova credito assoluto l’uomo avrebbe potuto far precipitoso ritorno ad Albenga con tutta la sua ‘scorta’ per evitare il collasso dei suoi affari. Cioè di restare chiuso nella zona rossa di Milano e vedere i suo giro pregiudicato irrimediabilmente. In questi giorni infatti sono molte le persone della Lombardia che stanno cercando di sfuggire alle restrizioni imposte dalla nuova mappatura a colori dell’Italia prevista dal nuovo Dpcm, per fermare la seconda ondata di Covid.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Contents.media