×

Covid, ancora dieci giorni per sapere se avremo un lockdown nazionale

Condividi su Facebook

La presidente della Società italiana di anestesia Flavia Petrini ha spiegato quanto ci vorrà per capire se sarà necessario un lockdown nazionale.

Intervistata da diverse testate, la presidente della Società italiana di anestesia Flavia Petrini la sua opinione in merito alla necessita di un lockdown nazionale per far fronte all’emergenza sanitaria: “Credo che siamo ancora in tempo per evitare la chiusura di tutto il Paese, rispettando le norme“.

Secondo gli esperti infatti, saranno necessari i prossimi dieci giorni per capire se le misure regionalizzate attuate finora dal governo sono state realmente efficaci nel contrastare la seconda ondata della pandemia.

Covid, avremo un lockdown nazionale?

Nonostante i continui avvisi dell’Istituto Superiore di Sanita e degli esperti del ministero, la Petrini confida in una risoluzione della questione coronavirus senza il dover ricorrere un nuovo locdown: “Io ho una visione un po’ più ottimistica, perché a differenza della prima ondata il Ministero ha messo a punto degli strumenti che – attraverso incontri continui con Regioni, cabina di regia, Iss e Cts – fanno sì che si possono valutare in maniera più sartoriale le chiusure da operare“.

Il riferimento della presidente della Siaarti è ovviamente alla suddivisione del territorio nazionale in zone gialle, arancioni e rosse, attuata in base alle sensibili differenze che intercorrono tra le diverse regioni; differenze che ha evidenziato la stessa Petrini: “Noi come tecnici stiamo monitorando, sulla base delle precedenti chiusure, quanto la curva di sta modificando e non è uguale in tutte le Regioni: ci sono degli elementi che vanno ad appesantire il rischio che dipendono anche da quanto è resiliente ed elastico il sistema sanitario e sociale.

Io credo che ogni cittadino dovrebbe rendersi conto di quanto sono sofferenti gli ospedali, anche solo per il monitoraggio dei tamponi”.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Contents.media