×

Covid, in Sicilia si entra solo dopo il controllo agli imbarchi

Condividi su Facebook

Fino al 15 novembre per chi ha intenzione di dirigersi verso la Sicilia in auto sarà sottoposto a diversi controlli da parte delle forze dell'ordine.

covid-sicilia-controllo-imbarchi
covid-sicilia-controllo-imbarchi

Controllo prima degli imbarchi, per contenere il contagio Covid, prima di proseguire per la Sicilia. Sono stati istituiti numerosi posti di blocco lungo l’Autostrada del Mediterraneo, A2, per il controllo della auto dirette verso l’Isola maggiore.

Covid, in Sicilia controllo agli imbarchi

Lungo l’Autostrada A2, in direzione di Rosarno, le autovetture, dirette verso gli imbarchi per la Sicilia, saranno obbligate a un controllo da parte delle forze dell’ordine. Inoltre, i controlli prevedono anche la visione di tutte le autocertificazioni e della loro legittimità. Questo al fine di contenere il contagio da Coronavirus. Dalla Calabria, infatti, gli spostamenti sono vietati in quanto parte dell’area rossa. La Sicilia, invece, è stata inclusa in quella arancione, con un tasso di rischio medio alto.

In particolare, fino a domenica 15 novembre, tutte le auto che viaggeranno verso la direzione sud dell’autostrada A2, saranno obbligate a uscire verso l’area di servizio di Rosarno Ovest. Qui gli organi preposti della Polizia Stradale procederanno alla verifica della legittimità degli spostamenti sul territorio regionale calabrese e per quelli in direzione degli imbarchi per la Sicilia.

Mancano però altri controlli

Le nuove misure di controllo, però, non sembrano viaggiare tutte sulla stessa lunghezza d’onda.

Se per gli imbarchi verso le navi traghetto si starebbe procedendo a un controllo serrato delle autovetture sin dall’autostrada, per chi si imbarca verso la Sicilia con l’utilizzo delle navi veloci non si incontrerebbe nessun controllo.

Nessun presidio fisso agli imbarchi verso gli aliscafi che portano i passeggeri da Villa San San Giovanni fino alla sponda di Messina. Viene effettuato un controllo sui treni ai passeggeri che provengono dalle altre regioni e che andranno ad imbarcarsi per la Sicilia.

Ma non tutti i passeggeri degli aliscafi giungono direttamente dalla stazione dei treni. In quel caso, infatti, non si assisterebbe ad alcun controllo.

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Maria Zanghì

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.

Leggi anche

Contents.media