×

Aggressione in ospedale a Livorno, ma il medico è esperto di arti marziali

Condividi su Facebook

Un medico esperto di arti marziali è riuscito a fermare un'aggressione da parte di un uomo che ha dato in escandescenze nell'ospedale di Livorno.

Napoli, mancano i posti-letto di terapia sub-intensiva

Incidente sfiorato all’ospedale di Livorno, dove un medico esperto di arti marziali è riuscito a sventare un’aggressione immobilizzando un uomo di 45 anni che si era avventato contro l’operatore sanitario, minacciando di ucciderlo. L’episodio è avvenuto nel pomeriggio di martedì 17 novembre, ma grazie alla prontezza di riflessi del medico l’uomo è stato immediatamente condotto fuori dall’ospedale dov’è stato poi preso in consegna da una pattuglia delle forze dell’ordine.

Aggressione sventata all’ospedale di Livorno

Stando a quanto riportato dagli organi di stampa locali, i fatti sono avvenuti intorno alle tre del pomeriggio di martedì, quando il 45enne si è presentato presso la struttura sanitaria e dove dopo poco era stato visitato dal medico in questione. Dopo che gli erano stati prescritti dei farmaci per via endovenosa, l’uomo ha tuttavia iniziato a dare in escandescenze, inveendo contro il medico e lanciando una bottiglia d’acqua contro un’infermiera li presente, fortunatamente non colpita dall’oggetto.

Al grido di “Ti ammazzo, ti ammazzo”, l’uomo ha quindi cercato di avventarsi contro l’operatore sanitario. Il 45enne non poteva però sapere che il medico era anche un esperto di arti marziali, nonché vincitore di diverse competizioni di karate. Forte della sua esperienza, il dottore karateka ha quindi immobilizzato l’aggressore e lo ha condotto fuori dalla struttura dove successivamente è stato individuato e identificato da una volante anche grazie alle generalità che lui stesso aveva fornito al suo arrivo in ospedale.

L’uomo, per il quale il direttore del dipartimento di emergenza-urgenza Alessio Bertini ha già chiesto che venga denunciato, è accusato di minacce e interruzione di pubblico servizio, reati per i quali è prevista una multa di 1.032 euro e la reclusione fino a due anni.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Contents.media