×

Covid, primo detenuto morto nel carcere di Poggioreale: aveva 68 anni

Condividi su Facebook

Primo decesso per Covid all'interno del carcere napoletano di Poggioreale. Il detenuto aveva 68anni e la salute già minata da patologie pregresse.

A ormai quasi un anno dall’inizio dell’emergenza sanitaria anche nel carcere napoletano di Poggioreale è stato registrato il primo decesso causato dal Covid. La vittima è un detenuto di 68 anni che si trovava da alcuni giorn già ricoverato in ospedale a causa di una sintomaticità al coronavirus combinata ad alcune patologie cardiache pregresse che hanno contribuito al peggioramento della malattia.

Con questo decesso riemerge la problematica del sovraffollamento nelle carceri italiane, divenuto ormai insostenibile con l’attuale progredire della pandemia.

Covid, morto detenuto a Poggioreale

Secondo quanto riportato dalle testate locali, l’uomo era già stato trasportato alcuni giorni prima presso l’ospedale Cardarelli di Napoli e successivamente all’ospedale dei Colli a seguito del peggioramento delle sue condizioni di salute. Una volta ricoverato qui però il suo corpo non ce l’ha fatta e il detenuto, già in sovrappeso e con ben tre pacemaker impiantati, è morto nella mattinata di martedì 17 novembre.

La morte dell’anziano detenuto ha riacceso le polemiche relative al sovraffollamento delle carceri e alla facilità con cui il coronavirus si diffonde in ambienti così promiscui. Gli stessi parenti delle persone detenute nelle carceri di Poggioreale, Pozzuoli e Secondigliano hanno lanciato un appello alle autorità, chiedendo forme di indulti per chi è dentro a seguito di reati minori: “Sono mesi che diciamo che all’interno delle carceri si rischia una strage.

Le condizioni sanitarie sono già normalmente disastrose. Figuriamoci in una situazione di pandemia. Solo a Poggioreale sono oltre 100 i casi di Covid 19. Dobbiamo pretendere amnistia e indulto. Le carceri vanno svuotate per evitare un massacro. La vita dei detenuti e delle detenute valgono. Non possono essere carne da macello! Amnistia e indulto subito.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Contents.media