×

Bassetti contro Ilaria Capua: “È veterinaria, non parli del vaccino anti Covid”

Condividi su Facebook

"Così si crea confusione - ha detto il virologo - abbiamo sovvertito l'ordine della meritocrazia"

bassetti contro ilaria capua sul vaccino covid

Matteo Bassetti, a L’aria che tira, in merito al vaccino contro il Covid, ha criticato l’intervento di martedì 24 novembre di Ilaria Capua a DiMartedì. “L’altra sera c’era una veterinaria che parlava di vaccini, così si crea confusione“.

Queste le parole di Matteo Bassetti. “Purtroppo nella medicina oggi c’è tanta confusione. Nella trasmissione del altra sera abbiamo sovvertito l’ordine della meritocrazia“, prosegue Bassetti a L’aria che tira.

Vaccino Covid, Bassetti: “Ilaria Capua è veterinaria”

Bassetti poi continua asserendo che martedì nella trasmissione “c’era una suora che parlava di economia planetaria“. E ancora: “un giornalista che parlava delle complicanze della polmonite da covid quasi facendo vedere le proprie lastre e una veterinaria che parlava di vaccini. Bisogna rimettere ordine nella competenza: i vaccini, da che mondo è mondo, prevengono la malattia e l’infezione. Ho grandissimo rispetto per la dottoressa Capua, ma io non parlo di animali perché non parlo di vaccini”.

Dire che i vaccini non prevengono l’infezione è sbagliato“, spiega il direttore della Clinica di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova. Dobbiamo dire che i vaccini non hanno un’efficacia del 100%, qualcuno verrà vaccinato e farà comunque l’infezione ma in forma molto meno aggressiva. Il vaccino per l’influenza ha un’efficacia del 50-60%, ma chi si fa la malattia se la fa in forma più lieve. Io non voglio attaccare nessuno, ma io non so cosa succede ai polli perché non faccio il veterinario”.

Infine: “Quando andavo a scuola, chi non sapeva fare un compito copiava dal secchione. Perché noi in Italia non siamo in grado di copiare dalla Germania che ha gestito in maniera appropriata anche le scuole? Lì le hanno chiuse in qualche Land dove c’erano i contagi. Noi sulle scuole abbiamo sbagliato molto. Poi è chiaro che non ha senso aprire il 15 dicembre per riaprire il 20 dicembre. I paesi evoluti in Europa non le hanno chiuse, le abbiamo chiuse solo noi.

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stef Menc
27 Novembre 2020 15:52

Senza difendere la Capua per la quale non ho nessuna simpatia, uno che non ne ha azzeccata una nelle sue previsioni sulla malattia, dovrebbe solo stare zitto e andare a lavorare senza farsi rivedere. Era quello che diceva che il virus non ha ucciso nessuno, no allarmismo, no maschere (26-2), e ancora il 10-10 diceva che la malattia era curabile con mortalità azzerata.


Contatti:
Mattia Pirola

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.

Leggi anche

Contents.media