×

Covid, Locatelli: “Come regalo di Natale arrivano due vaccini”

Condividi su Facebook

Il presidente del Consiglio superiore di sanità: "Gli italiani non devono avere il minimo dubbio sulla sicurezza"

Franco Locatelli vaccino covid Natale

Il professor Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità ha dichiarato che contro il Covid “potremmo avere come regalo di Natale l’approvazione dei primi 2 vaccini”. E ancora: “Gli italiani non devono avere il minimo dubbio sulla sicurezza dei vaccini”.

Per quanto riguarda l’obbligo dice: “Io credo molto di più nella persuasione, nel convincimento e nella creazione di una cultura delle vaccinazioni. Per certe categorie professionali, compresa la mia, il discorso diventa ancor più stringente”.

Vaccinarsi, ha continuato, “è anche un modo per onorare la memoria di quei 55mila italiani e 400mila europei che hanno perso la vita”.

Covid, Locatelli: “A Natale arrivano due vaccini”

Sotto l’albero, dunque, Babbo Natale potrebbe quest’anno portare almeno un paio di vaccini contro il Covid.

“Nei prossimi giorni due piattaforme vaccinali verranno sottoposte al vaglio e auspicabilmente dell’approvazione da parte dell’agenzia europea del farmaco”, ha continuato Locatelli. “Potremmo avere come regalo di Natale l’approvazione dei primi 2 vaccini e dal 15 gennaio dovremmo essere in condizione di poter iniziare le pianificazioni e le realizzazioni della somministrazione dei vaccini. Si sta già lavorando da tempo”.

Intanto comunque gli ultimi sondaggi attestano una certa indecisione degli italiani sull’uso del vaccino.

Il 16% non lo effettuerà e quasi uno su due aspetterà di valutarne l’efficacia. Il commissario Domenico Arcuri ha scritto un documento indirizzato ai governatori di Regione: Appare prioritario salvaguardare quei luoghi che nel corso della pandemia hanno rappresentato il principale canale di contagio e diffusione del virus, quali a titolo esemplificativo gli ospedali e i presidi residenziali per anziani”.

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Mattia Pirola

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.

Leggi anche

Contents.media