×

Strangolata dai guinzagli dei suoi cani: morta per asfissia

Condividi su Facebook

Un terribile incidente per Deborah Roberts, che durante una passeggiata è stata strangolata dai guinzagli dei suoi cani.

Deborah Roberts
Deborah Roberts

Deborah Roberts ha perso la vita a causa di un terribile incidente avvenuto mentre passeggiava come ogni mattina in compagnia dei suoi amati cani. La donna, di 47 anni, è inciampata e poi è morta per asfissia, strangolata dai guinzagli dei suoi cani, che tentavano di aiutarla e farla rialzare.

Strangolata dai guinzagli

Durante una delle sue passeggiate mattutine, Deborah Roberts è inciampata ed è finita a terra. I suoi Staffordshire bull terrier hanno iniziato a tirare i guinzagli nel tentativo di aiutare la padrona a rialzarsi. La donna, però, è rimasta strangolata dai due lacci, che le si sono incastrati intorno al collo. Il suo corpo è stato trovato a terra, riverso con il viso sul prato, con i suoi due cani seduti accanto a lei.

Il fatto è accaduto nel Galles del Nord, ma ha fatto subito il giro del mondo. Il medico legale ha spiegato che la signora Roberts era abituata a tenere i guinzagli al collo quando i suoi cani passeggiavano liberi. Gli animali, quando è scaduta, hanno cercato di utilizzare quei lacci per aiutarla ad alzarsi, finendo però per ucciderla. I cani si chiamano Tyson e Ruby e sono sempre stati molto dolci, come hanno confermato tutti i vicini.

Non hanno mai cercato di attaccare la donna, ma pensavano di poterla salvare.

Sono cani molto buoni, stavano cercando di aiutare mia madre quando è caduta” ha spiegato uno dei figli della vittima. A dare i primi soccorsi sono stati due operai, che l’hanno vista sdraiata in terra mentre i due cani cercavano con tutte le loro forze di farla alzare. “Siamo arrivati che lei stava già soffocando” ha spiegato uno dei due uomini, che ha confermato che per sollevarla i cani hanno tirato i guinzagli. La donna soffriva della malattia di Huntington, una condizione degenerativa che aveva compromesso la sua capacità di muoversi. Secondo il medico legale la donna è inciampata e poi non è riuscita ad alzarsi subito proprio a causa della sua malattia. Le autorità hanno registrato la morte per cause accidentali dopo che si è verificata l’asfissia causata dallo strangolamento con i due guinzagli.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media