×

Sciopero nazionale dei benzinai, distributori anticipano il termine al 16

Condividi su Facebook

I gestori delle pompe di carburante hanno anticipato il termine dello sciopero nazionale dei benzinai, che finirà alle ore 15 del 16 dicembre.

(ARCHIVIO) Un addetto alla pompa di benzina incrocia le braccia nel giorno dello sciopero dei benzinai a Roma 18 giugno 2014. ANSA/ANGELO CARCONI

A partire dalla serata del 14 dicembre prossimo fino a mercoledì 16 scatterà uno sciopero dei benzinai su tutto il territorio nazionale, al fine di protestare contro il mancato inserimento della categoria nel Decreto Ristori tra quelle meritevoli di aiuto economico a causa della pandemia.

La serrata delle pompe è stata annunciata tramite un comunicato congiunto emanato da Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio e interesserà sia la rete di distributori ordinaria sia quella presente sulle autostrade italiane.

L’anticipo della riapertura

A seguito dell’intervento dell’Autorità garante per lo sciopero nei servizi pubblici essenziali, i distributori di benzina hanno accolto l’appello alla responsabilità fatto loro in occasione della serrata, anticipando il termine di quest’ultima dalla mattina del 17 dicembre al pomeriggio del 16.

Per la precisione i distributori di benzina riapriranno alle ore 15 per quanto riguarda la rete ordinaria e alle ore 14 per la rete autostradale. L’inizio dello sciopero avverrà invece rispettivamente alle 19 e alle 22.

Sciopero dei benzinai dal 14 al 16 dicembre

Nel comunicato di indizione dello sciopero si può leggere tra le altre cose che: “La decisione si è resa necessaria in conseguenza della inspiegabile indisponibilità del Governo ad inserire le piccole e piccolissime imprese di gestione a cui sono affidati gli impianti, nel novero delle categorie che beneficiano dei provvedimenti di sostegno inseriti nei diversi Decreti Ristori”.

Secondo le sigle sindacali infatti: La distribuzione carburanti è classificata come servizio pubblico essenziale, dovendo garantire, pur nelle attuali come già nelle passate circostanze emergenziali, la continuità e regolarità dell’attività, nell’interesse della collettività, per consentire lo spostamento delle persone ed il trasporto di ogni genere di merci”. Stando a quanto detto dunque, non ci sarebbe motivo per privare i distributori di benzina degli aiuti economici previsti invece per molte altre categorie di lavoratori colpiti dall’emergenza sanitaria.

Distributori non presenti nel Dl Ristori

I sindacati sottolineano infatti come a partire da ciò: “Ne consegue che i gestori, oltre a subire contrazioni drammatiche del proprio fatturato per effetto delle restrizioni alla mobilità e del coprifuoco notturno, non hanno alcuna possibilità di contenere i notevoli costi fissi necessari a mantenere l’attività di distribuzione a disposizione del pubblico. […] Ciò che, già in questi giorni, sta causando sul territorio chiusure incontrollate e forzate, a causa della mancanza di liquidità e della impossibilità di acquistare forniture di prodotti”.

Una dimenticanza quella del governo che secondo le associazioni di categoria rischia di mandare sul lastrico centinaia di famiglie italiane: “Fatti che preludono all’ormai prossimo progressivo fallimento delle piccole imprese di gestione, con riflessi drammatici sui livelli occupazionali del settore che da’ lavoro a quasi 100.000 persone”.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Contents.media