×

Covid, Gismondo al convegno ultradestra: “Infezione opportunistica”

La virologa: "Virus in circolazione da tempo, i dati sono stati controllati male"

Covid Gismondo

Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano ha presenziato a un convegno dell’ultradestra tedesca dove ha parlato del Covid. “Il Coronavirus è arrivato in Italia a metà dell’anno scorso, i dati sono stati controllati male“.

Covid, Gismondo al convegno ultradestra

Come riporta il quotidiano La Repubblica, la virologa ha partecipato lo scorso 4 luglio ad un convegno organizzato dall’Afd, partito di estrema destra tedesco. Il partito si è battuto per mesi contro le restrizioni anti-contagio, al Bundestag a Berlino. Le foto della sua partecipazione della virologa all’incontro sono ancora disponibili su Facebook.

In quella occasione la Gismondo è stata intervistata dal giornalista Billy Six in inglese.

Ha definito la situazione in Italia di estrema “confusione, con così tanti dati e con dati falsi“. E ancora: “Ogni giorno il governo e il ministero della Salute hanno pubblicato dati su positivi e morti, ma non siamo sicuri che siano dati controllati. La confusione principale riguardava persone morte con covid o per covid. Solo al termine di questo periodo il ministero della Salute ha chiarito la situazione, solo 10… o poco più… pazienti sono morti per covid.

Altri sono morti infettati dal covid ma con altre gravi patologie. Possiamo definire il covid un’infezione opportunistica, non la primaria“.

Ma non è finita, la Gismondo ha anche dichiarato che “il Coronavirus in Italia probabilmente a metà dello scorso anno“. A questo punto il giornalista le ha fatto una domanda sulle vittime portate via da Bergamo con le camionette dell’esercito. “Non posso dire niente, ero nel mio laboratorio – ha risposto la virologa -. Ho visto le immagini in tv. Penso che non sia stata una scelta giusta mandare in onda queste immagini che hanno creato un impatto negativo a livello psicologico, la gente è andata nel panico e in confusione. Il governo deve dare sicurezza e tranquillizzare le persone“.

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Gino Vercesi
13 Dicembre 2020 18:38

chiedere al Prof. Galli riscontri precisi circa la “natura artificiale” del Virus come ,di fatto, creata in CINA …. !
La Comunità scientifica, quindi in primis il Comitato Europeo (!) per la Sanità non è intervenuto presso le autorità Cinesi competenti quando il dott. Li Weng Ling è deceduto dopo avere dato l’allarme del virus che ,poi, lo ha ucciso…..!
e la “grande” (??) Europa dov’era ??….. e i nostri “sapientoni”..(??)anche ..dov’erano???


Contatti:
Mattia Pirola

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora