×

Pietro Genovese, il pm chiede una condanna a 5 anni

Condividi su Facebook

Il giovane, lo scorso anno, ha investito e ucciso due ragazze in Corso Francia a Roma.

Pietro Genovese
Pietro Genovese

Oggi 19 dicembre 2020 è il giorno della sentenza per Pietro Genovese, accusato di omicidio stradale plurimo aggravato dalla guida in stato di ebrezza. L’incidente è avvenuto un anno fa e a perdere la vita sono state le due sedicenni romane Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli.

Pietro Genovese: condanna

Il pm Roberto Felici ha chiesto per Pietro Genovese una condanna a 5 anni di reclusione. Il processo si tiene nell’aula bunker di Rebibbia e si tratta di un procedimento con rito abbreviato davanti al giudice per l’udienza preliminare Sturzo. L’incidente è avvenuto il 22 dicembre 2019 e dopo quattro giorni Genovese è stato arrestato e si trova ai domiciliari. A perdere la vita sono state le due sedicenni Gaia e Camilla, mentre attraversavano la strada in Corso Francia, a Roma, vicino a Ponte Milvio, in tarda serata.

Le due ragazze sono morte sul colpo e l’auto di Genovese si è fermata circa 200 metri dal punto dell’impatto. La sentenza, in realtà, doveva arrivare il 30 ottobre, ma il giudice ha preferito approfondire un aspetto importante. Voleva capire se le due ragazze stavano attraversando sulle strisce pedonali e se sono state colpite solo dalla vettura di Genovese o anche da un’altra macchina.

Da quando è stato arrestato, Pietro Genovese ha sempre dichiarato di non aver proprio visto le ragazze, aggiungendo che avevano attraversato con il rosso e che lui non stava andando a velocità elevata.

Il ragazzo, però, è risultato positivo sia ai test antialcol che quelli antidroga. Non è stato possibile dimostrare se la droga era stata assunta poco prima dell’incidente, ma sicuramente si era messo alla guida dopo aver bevuto troppo. Secondo i risultati delle perizie disposte dal giudice, il giovane non avrebbe potuto vedere le due ragazze ma sicuramente stava percorrendo quel tratto di strada troppo velocemente, nonostante sia passato quando il semaforo era ancora verde.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media