×

Covid Campania: la ‘Stanza degli abbracci’ arriva ad Avellino per Natale

Condividi su Facebook

La ‘Stanza degli abbracci’ arriva ad Avellino e consentirà agli anziani isolati nelle RSA di riabbracciare i propri familiari al tempo del Covid.

Avellino

La ‘Stanza degli abbracci’ è stata inaugurata, per la prima volta in Italia, il 26 ottobre 2020 nella RSA Domenico Sartordi Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso. Da allora, un numero sempre maggiore di strutture impegnate nell’assistenza agli anziani si è dedicata alla progettazione e alla realizzazione di iniziative simili per consentire ai propri ospiti di riabbracciare i familiari, al tempo del Covid.

Avellino, la ‘Stanza degli abbracci’ in Campania per Natale

L’iniziativa promossa in Veneto ha commosso l’immaginario pubblico, riscuotendo enorme successo su tutto il territorio nazionale e venendo attuata anche da altre RSA e case di cura.

Il Consorzio dei servizi sociali A5 di Atripalda, comune campano situato in provincia di Avellino, infatti, ha avviato una serie di lavori per costruire una ‘Stanza degli Abbracci’ in ognuno dei quattro complessi specializzati in ambito socioassistenziali, istituiti sul proprio territorio di competenza.

In questo modo, il Consorzio si pone come obiettivo la ripresa delle visite da parte dei familiari agli oltre 200 anziani ospitati presso le strutture, garantendo la massima sicurezza degli incontri. Il progetto è stato portato a termine prima delle imminenti festività natalizie al fine di alleviare la solitudine degli anziati durante il Natale e ripristinare un minimo di contatto umano, spazzato via dalle videochiamate e dalle distanze sociali imposte dall’emergenza sanitaria causata dal coronavirus negli ultimi mesi.

Le dichiarazioni del direttore generale del Consorzio di Atripalda

La ‘Stanza degli Abbracci’ provoca potenti effetti benefici sugli ospiti delle RSA, rende di nuovo possibile alle persone di tenersi per mano e riabbracciare le persone amate.

L’iniziativa sviluppata ad Atripalda è stata commentata dal direttore generale del Consorzio dei servizi sociali A5, Carmine De Blasio, che ha definito il progetto in questi termini: «Un gesto di umanità e di civiltà per far sentire meno soli i nostri anziani: le persone che stanno pagando il prezzo più alto in questa tragedia causata dal Covid-19. La soluzione è stata adottata qualche settimana fa presso le RSA del nord Italia per favorire un contatto ravvicinato tra familiari e anziani ospiti delle strutture sociosanitarie. Così il Consorzio A5 non ha perso tempo e si è organizzato in modo da garantire anche ai circa 200 anziani ospiti delle quattro strutture socioassistenziali presenti sul proprio territorio. Attraverso la ‘Stanza degli abbracci’ sarà possibile, in sicurezza, tenersi per mano e abbracciarsi con i propri cari.»


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media