×

Lopalco: “I medici no vax non sono degni di questo mestiere”

Lopalco contro i medici no vax: "Dovrebbero essere i primi a dare l'esempio, sono indegni".

Lopalco medici no vax

L’epidemiologo Pierluigi Lopalco ha rilasciato delle dichiarazioni in occasione del Vax Day tenutosi al Policlinico di Bari. L’assessore alla Salute della Regione Puglia si è schierato nettamente contro i medici no vax, arrivando a definirli indegni di svolgere questo mestiere.

“Io – ha detto Lopalco – spero di essere il primo a vaccinarmi nella fase uno. Il medico deve dare esempio. Il medico che rifiuta la vaccinazione non è degno di questo mestiere”. Non usa mezzi termini l’epidemiologo che risponde dunque duramente a quelle parte del mondo scientifico che è ostile nei confronti delle vaccinazioni.

Lopalco sui medici no vax

“Dopo il personale sanitario di ospedali e rsa – ha aggiunto Lopalco – dopo gli anziani ospitati nelle rsa toccherà a tutti gli anziani che stanno a casa e poi si passerà dagli 80 anni in giù e poi le categorie di rischio”. Successivamente “toccherà a chi professionalmente è a rischio: come il personale scolastico, che sarà vaccinato prima degli altri. E poi via via toccherà a tutti gli altri“. Gli ultimi saranno i giovani e i bambini, perchè “questo vaccino vale dai 16 anni in su.

Prima di poter vedere il vaccino per età pediatrica – precisa l’assessore pugliese – dobbiamo aspettare qualche mese. Giovani e bambini saranno importanti per poi bloccare la circolazione, ma questo avverrà nella Fase 3 o 4″.

Per l’avvio delle vaccinazioni in Puglia, era presente anche Vito Montanaro, capo del dipartimento Salute della Regione che ha dichiarato: “Finalmente si comincia. Oggi è il primo giorno, soltanto dimostrativo perché somministreremo 505 dosi, ma nelle prossime giornate, a partire dai primi di gennaio, saranno somministrate in Puglia quasi 95 mila dosi”.

Contents.media
Ultima ora