×

L’Italia torna in zona arancione: quando serve l’autocertificazione?

Dal 28 al 30 dicembre l'Italia è in zona arancione: ecco quando serve l'autocertificazione e dove è possibile scaricare il modulo.

autocertificazione fase 2
autocertificazione fase 2

L’Italia torna in zona arancione dal 28 al 30 dicembre: il lieve allentamento delle restrizioni consente alcune riaperture, ma per alcuni spostamenti serve ancora l’autocertificazione. È possibile trovare il modulo in formato PDF sul sito del ministero dell’Interno.

Le consuete norme anti Covid-19 entreranno in vigore a partire dalle 7 del 28 dicembre e perdureranno per i giorni 29 e 30 dicembre. Torneranno in vigore poi il 4 gennaio 2021. In questi giorni sarà possibile muoversi liberamente all’interno del proprio comune dalle 5 alle 22 e in tale frangente l’autocertificazione non servirà. Dalle 22 alle 5 vige invece il coprifuoco e sarà possibile muoversi solo per comprovati motivi di necessità, salute e lavoro, esibendo sempre l’opportuna autocertificazione in caso di controlli.

Zona arancione, quando serve l’autocertificazione?

L’Italia è tornata in zona arancione, una situazione che perdurerà dal 28 al 30 dicembre prossimo. In tal caso l’autocertificazione sarà necessaria se ci si muoverà all’interno del proprio comune durante la fascia oraria del coprifuoco: dalle 22 alle 5 del mattino. Nei giorni indicati sarà possibile spostarsi anche da un comune all’altro per poter andare a trovare amici e parenti, ma solo all’interno della propria regione e una sola volta al giorno.

Ciò è permesso sempre nella fascia oraria dalle 5 alle 22 (dalle 7 alle 22 nel caso della notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio) e nel limite massimo di due individui. Anche in tal caso bisognerà presentare l’autocertificazione indicando in essa, inoltre, l’indirizzo delle persone a cui si ha intenzione di far visita.

La situazione nei comuni

Coloro che vivono in un comune fino ai 5 mila abitanti potranno spostarsi liberamente non oltre i trenta chilometri dal confine del proprio comune, senza però la possibilità di spostarsi verso i capoluoghi di provincia. Anche in tale eventualità bisognerà munirsi di autocertificazione, che dovrà essere presentata, inoltre, anche quando ci si muove da regione a regione. Uno spostamento di norma vietato in caso di zona arancione, ma che sarà giustificato per motivi di salute, studio, lavoro e necessità.

Contents.media
Ultima ora