×

Vaccino covid, Galli: “In Germania milioni di dosi? Inelegante”

Condividi su Facebook

Galli racconta la sua esperienza con il vaccino e definisce inelegante le tante dosi che spetteranno alla Germania.

vaccino galli germania dosi

Come è noto la Germania si è mossa in maniera autonoma per ottenere il maggior numero di dosi di vaccino disponibile nel minor tempo possibile: l’accordo raggiunto con BioNTech permetterà a Berlino di ricevere ben 30 milioni di dosi del farmaco.

A commentare questo gesto quanto mai discutibile è stato il professor Massimo Galli che ha definito l’operazione come inelegante aggiungendo poi: “Ma non eravamo noi i furbetti?”. “Non è una procedura né corretta né gradevole da sentire – ha sottolineato il responsabile del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano a Stasera Italia – sull’unità europea nella gestione del problema avevamo fatto conto. Sarebbe stato più corretto se si fossero mossi con tutta l’Unione”.

Galli sulle 30 milioni di dosi alla Germania

Il primario del Sacco di Milano ha avuto poi la possibilità di raccontare la sua esperienza personale con il vaccino covid, essendo stato uno dei primi a riceverlo nel v-day del 27 dicembre. Galli afferma di di aver avuto “zero effetti collaterali” e di ricordare nemmeno più il punto preciso del corpo dove il vaccino è stato effettuato.

Avevo un po’ di curiosità – ha detto – tra i dati pubblicati su una grande rivista c’era una notevole quantità di persone che affermava di aver sentito dolore in sede di inoculo. Per me è stato assai meno fastidioso di quello dell’influenza che faccio ogni anno e che mi dà poco fastidio. Francamente, non un’esperienza eroica, mettiamola così”.

Poi sull’obbligatorietà del vaccino, specie nel settore medico: “Chi non si vaccina in ambito sanitario deve fortemente interrogarsi non solo sulla scelta rispetto al vaccino ma sulla scelta rispetto al lavoro che fa. Un atteggiamento di rifiuto del vaccino non è compatibile con questo mestiere: se non ti vaccini, cambi lavoro”. “Chi fa certi lavori – conclude Galli – deve avere l’obbligo morale di vaccinarsi e deve avere la capacità di informarsi e capire come stanno le cose”.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Contents.media