×

Vaccino covid, le bufale costruite sul servizio di studio aperto

Le fake news costruite ad hoc basandosi sul servizio di Studio Aperto sul vaccino covid.

Vaccino servizio studio aperto

In un periodo di grande pressione sociale come quello innescato nel mondo dalla pandemia è molto facile perdersi dietro delle bufale alimentate sapientemente da alcuni utenti dei social network. Il caso in questione, neanche a dirlo, riguarda i vaccini covid con il popolo dei dubbiosi e dei no vax sempre attenti a cogliere delle imperfezioni nel mondo della comunicazione per poterle utilizzare a proprio vantaggio.

Nello specifico ha fatto molto discutere un servizio di Studio Aperto, TG di Italia 1, nel quale si vede una operatrice sanitaria ricevere una finta vaccinazione. Come accorgersene? Semplice, la donna ha il braccio coperto dalla divisa.

Vaccino, il servizio di Studio Aperto

In molti hanno cominciato a condividere questo fermo immagine, arrivando a sostenere che il governo nei giorni del V-Day del 27 dicembre avesse architettato delle finte vaccinazioni con il solo scopo di fare una propaganda pro vaccini per dimostrare di essere riuscito a trovare una soluzione al problema del covid.

I media, in questo, avrebbero agevolato il processo in quanto molto spesso ritenuti da chi fa questo genere di accuse come parte integrante del sistema colluso.

Grazie al lavoro svolto da Open è stato però possibile fare chiarezza sulla vicenda. Il servizio di Studio Aperto è stato girato a Codogno e l’immagine in questione rappresentava una simulazione della vaccinazione che poi è realmente avvenuta. Quanto affermato è riscontrabile nel video pubblicato sul canale Youtube di Alanews il 27 dicembre 2020, nel quale si vede la stessa operatrice sanitaria somministrare il vaccino – questa volta regolarmente – ad un’altra persona. È evidente poi anche come il luogo della vaccinazione sia lo stesso. È indubbio che vi sia stata una leggerezza da parte di chi ha confezionato il servizio televisivo, abilmente sfruttata poi da chi delle fake news ha fatto la propria arte.

Contents.media
Ultima ora