×

13enne morto a Capodanno, la conferma: colpito da una fucilata

A causare la morte del 13enne di Asti la notte di Capodanno non è stato un grosso petardo, ma una fucilata

capodanno asti (1)

Una svolta importante sulla morte del 13enne di Asti, avvenuta la notte di Capodanno, arriva dopo le indagini dei carabinieri: il ragazzo non è morto a causa di un petardo, ma per un proiettile di un fucile da caccia.

13enne colpito da fucilata

La tragedia avvenuta nella notte di Capodanno, in cui il 13enne Roudin Seferovic ha perso la vita, è giunta all’epilogo. Dopo le indagini svolte dai carabinieri di Asti, e l’autopsia disposta dalla procura è emersa una certezza. Il giovane non è stato ucciso da un grosso petardo, come si sospettava all’inizio, ma da una fucilata. L’autopsia lo conferma: la causa del decesso è stata attribuita a una profonda emorragia all’addome causata da un proiettile, che sarebbe stato sparato da poca distanza, proveniente da un fucile da caccia calibro 12.

Una tragica fatalità avvenuta durante i festeggiamenti, è l’ipotesi che resta al vaglio degli inquirenti. Nessun indagato, al momento. “Sono dispiaciuto per la tragedia e umanamente vicino alla famiglia” aveva commentato il sindaco di Asti Maurizio Rasero.

Perquisizioni nel campo nomadi

Intanto al campo nomadi di via Guerra, dove il ragazzo viveva con la famiglia e dove ha perso la vita, i carabinieri hanno effettuato delle perquisizioni. Sono diverse le testimonianze raccolte: il 13enne stava giocando quando è stato colpito dal proiettile, dapprima scambiato per un grosso petardo.

Inutile la corsa dall’ospedale Cardinal Massaia: il giovane era già in arresto cardiaco. Roudin Seferovic sarà sepolto con rito musulmano al cimitero di Asti.

Contents.media
Ultima ora