×

Covid, Zangrillo contro la divisione in colori delle Regioni

Condividi su Facebook

Il primario della terapia intensiva del San Raffaele di Milano ha criticato la divisione in colori delle Regioni.

Alberto Zangrillo
Alberto Zangrillo

Alberto Zangrillo, primario della terapia intensiva del San Raffaele di Milano, ha bocciato la divisione in colori delle Regioni. In queste ore, però, il governo si sta riunendo proprio per decidere il nuovo Dpcm in vista del 16 gennaio, continuando a basarsi sulla distinzione a colori di ogni Regione italiana.

La critica di Zangrillo

Da mesi le regioni italiane sono state divise in colori a causa dell’emergenza Coronavirus in corsa. Questa suddivisione è destinata a continuare anche nei prossimi mesi, ma non è condivisa dal primario della terapia intensiva del San Raffaele di Milano. Zangrillo, che ha criticato Fontana, ha spiegato all’Adnkronos che è il momento di mantenere i “nervi saldi“. “Un elevato numero di contagi non si traduce necessariamente in un’emergenza sanitaria” ha voluto aggiungere il medico.

E proprio per questo è convinto che una “misura coercitiva su base cromatica” dovrebbe scattare solo in quelli che vengono definiti “casi estremi“. In Italia, invece, questa suddivisione viene usata ormai da mesi e sembra essere scelta con troppa leggerezza.

Secondo il primario di terapia intensiva del San Raffaele di Milano non bisogna preoccuparsi così tanto come stanno cercando di farci credere. “Io lavoro e osservo: le strutture sanitarie della mia regione non sono in sofferenza.

Dal 22 dicembre nel mio ospedale ricoveriamo una media di 4 pazienti Covid al giorno. I medici sul territorio fanno la loro parte e purtroppo continuano a morire molte persone indipendentemente dall’infezione virale” ha spiegato Alberto Zangrillo. “Basta con i titoli ad effetto dei media che servono solo a disorientare, spaventare e proporre banalità” ha voluto aggiungere il primario, con tono molto critico.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media