×

Vaccino Covid, Remuzzi: “Facciamo una sola dose e a più persone”

Condividi su Facebook

"Stiamo andando bene - dice Remuzzi -, perché esistono già tre vaccini sicuri ed efficaci, ma non è detto che bastino".

Giuseppe Remuzzi
Giuseppe Remuzzi

Il direttore dell’Istituto Negri Giuseppe Remuzzi è intervenuto in merito al vaccino contro il Covid 19, asserendo che sarebbe meglio fare una sola dose e vaccinare più persone. “Stiamo andando bene – dice Remuzzi -, perché esistono già tre vaccini sicuri ed efficaci, e presto ne arriveranno molti altri.

Ma se non facciamo tutti uno sforzo in più, non è certo che finirà bene, per lo meno a breve termine”.

Vaccino Covid, Remuzzi: “Facciamo una sola dose”

“Anche quando funzionano, i lockdown mascherati e le zone di diverso colore sono pur sempre l’ammissione di un fallimento nella lotta al virus – ha continuato Remuzzi, le cui parole sono state riportate da Il Corriere della Sera -. Il vaccino invece è la soluzione. Insieme all’immunità naturale, ma quella nessuno può dire quando arriverà”.

Il professore è del parere che servano sforzi maggiori: “Non bisogna perdere un minuto. Stiamo vaccinando 400 mila persone alla settimana. Immaginiamo pure di arrivare a 700 mila. Non basta”.

L’Italia però ce la sta mettendo tutta e ha da poco superato la Germania per numero di dosi effettuate in Europa. “Se in Italia le cose dovessero andare come stanno andando in Inghilterra o in Germania, rischiamo i mille morti al giorno – dice però Remuzzi -.

L’obiettivo di arrivare a 50 milioni di persone vaccinate entro la fine di marzo è utopico. Ma abbiamo il dovere di credere che sia possibile. E poi serve una strategia a medio termine. Altrimenti, il tema dei vaccini ce lo porteremo dietro per anni”.

“Il primo problema è la produzione – continua il professore, dettando le proprie linee guida -. Pfizer ha già detto che non ce la fa a coprire il fabbisogno. Bisognerebbe estendere l’accordo che AstraZeneca ha fatto con Serum Institute of India ad altre compagnie, e mettere insieme tutti i siti produttivi del mondo. Oltre che in India e in Cina, ce ne sono in Sudamerica, Usa, Germania, e la Francia si sta attrezzando”.

Infine: “Se il Covid sparirà nella sua forma più acuta, sarà perché i suoi vaccini resteranno a lungo nelle nostre vite. Per anni, forse decenni. Con rispetto, mi chiedo: ma in questa discussione sul Mes non si trovano 2-3 miliardi da destinare a un sito italiano capace di produrre i vaccini?”.

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Mattia Pirola

Nato il 18 luglio del 1990, vive a Cassina de' Pecchi. Si è laureato in Storia per seguire la propria voglia di conoscere il passato, ho iniziato l'attività giornalistica per analizzare il presente e le sue innumerevoli contraddizioni. Collabora con Metropolis Notizie e Notizie.it.

Leggi anche

Contents.media