×

Scuola, si va verso uno sciopero nazionale previsto lunedì 18

Scuola, lunedì previsto il ritorno in classe ma si va verso lo sciopero nazionale. A Milano continuano le occupazioni

scuola 18 gennaio
scuola 18 gennaio

Il giorno del ritorno a scuola, tanto atteso da studenti e genitori, è ormai vicino. Ad una condizione: il ritorno in classe dev’essere fatto in sicurezza. E quindi dilagano le iniziative di protesta da parte degli studenti: si va verso uno sciopero previsto per lunedì 18 gennaio.

Scuola, verso lo sciopero nazionale

Lunedì si torna a scuola, o forse si sciopera. Proprio la giornata tanto attesa del ritorno in presenza nelle aule potrebbe trasformasi in uno sciopero nazionale. A pochi giorni dal ritorno in presenza al 50% negli istituti, gli studenti delle scuole superiori stanno organizzando movimenti di protesta. I motivi sono diversi: con le nuove regole introdotte dal governo gli orari prevederanno l’uscita da scuola dalle 15 alle 16, con l’impossibilità di poter mangiare in mensa e la difficoltà nello studiare a casa a causa del tardo orario di uscita.

Non solo: gli studenti lamentano una difficoltà “digitale” per quel 50% di classe che dovrà seguire da casa la lezione online, mentre il prof spiega in presenza all’altra metà dei compagni. Non ultimi, sorgono molti dubbi sulla capacità di garantire un servizio efficiente nonostante il trasporto pubblico viaggi al 50%, soprattutto in grandi città come Milano e Roma. Proprio in queste due città si stanno organizzando delle proteste.

Sciopero organizzato a Roma

Sono 160mila i ragazzi romani che lunedì dovrebbero riprendere le lezioni. Il piano, però, è un altro. L’appuntamento, che sta circolando tra i vari gruppi social degli organizzatori, non sarà in classe ma sotto le finestre del ministero dell’istruzione in viale Trastevere. Le adesioni al sit-in sono per ora di gruppi proveniente di oltre 50 istituti superiori della capitale. Le proteste si stanno già svolgendo: questa mattina circa 100 ragazzi si sono seduti a terra, distanziati, in piazza del Popolo per chiedere sicurezza sulla scuola. Al liceo Cavour gli studenti hanno fatto lezione online all’aperto vicino al Colosseo mentre i ragazzi del Tasso si sono radunati sotto le finestre di via Sicilia organizzando un sit-in di discussione.

Le occupazioni a Milano

A Milano, invece, dopo il caso del Manzoni, proseguono gli assalti alle scuole. “Avevate in mano il nostro futuro e ce l’avete tolto” recita lo striscione esposto dagli studenti al liceo scientifico Severi-Correnti. Nei vari licei della città si tentano occupazioni: al Tito Livio sono entrati circa 30 ragazzi che si raduneranno poi per un’assemblea pubblica, al liceo Volta alcune decine di ragazzi hanno fatto lezione online dentro l’istituto, mentre allo Steiner, dopo un tentativo di occupazione, gli studenti sono stati fatti uscire.

Nata a Voghera, il 08/09/1996, è laureata in Comunicazione, Innovazione e Multimedialità (CIM) presso l’Università di Pavia. Collabora con Gilt Magazine e ha lavorato presso SkyTG24.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Alessandra Tropiano

Nata a Voghera, il 08/09/1996, è laureata in Comunicazione, Innovazione e Multimedialità (CIM) presso l’Università di Pavia. Collabora con Gilt Magazine e ha lavorato presso SkyTG24.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora