×

I veicoli dei morti per Covid restano in strada, a chi tocca rimuoverli?

Condividi su Facebook

I veicoli abbandonate dai morti per Covid-19 vanno rimossi: la legge parla chiaro in merito a coloro a cui spetta il compito.

veicoli morti covid

I morti in Italia a causa del Covid-19 sono ormai innumerevoli. Molti di loro lasciano degli averi, tra cui anche le proprie auto. Esse restano abbandonate sulla strada per giorni, finché i parenti non decidono il da farsi. La legge, tuttavia, norma le pratiche per i veicoli inutilizzati, che intrecciano problemi di carattere ambientale nonché economico.

Nel caso in cui i mezzi non venissero smaltiti nel modo corretto si può anche incorrere in sanzioni amministrative e multe salate (da 600 e 6.000 euro).

Cosa fare con le auto abbandonate

I casi sono variegati e differenti tra loro. Nell’eventualità in cui la vettura resti sul suolo pubblico (anche strade private ad utilizzo collettivo) inutilizzata per “fine vita” le autorità possono disporre conferimento provvisorio a un centro di raccolta.

Nel caso in cui l’auto sia inutilizzata poiché fuori uso, invece, dovrà essere trattata come un rifiuto urbano, oltre che pericoloso per alcune sue componenti. L’obbligo di rimozione, in tale evenienza, spetterebbe all’autore dell’abbandono e, dunque, in questo caso agli eredi del defunto proprietario della vettura. Essi dovranno sostenerne le spese. In assenza di eredi e di responsabilità da parte dei proprietari dell’area l’ordinanza di rimozione verrà eseguita d’ufficio.

Nata a Palermo, classe 1998, è laureata in Scienze delle comunicazioni per i media e le istituzioni e iscritta all'Albo dei giornalisti pubblicisti. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Mediagol e itPalermo.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Luca
17 Gennaio 2021 15:45

È un abuso finché sono assicurate possono stare in strada.
perché invece di accanirsi sulle vittime del virus mal gestito da questo governo no utilizzano le stesse risorse per trovare le auto che non sono assicurate e circolano?
forse perché sono di immigrati e al sud, mentre la maggioranza dei deceduti sono al nord?


Contatti:
Chiara Ferrara

Nata a Palermo, classe 1998, è laureata in Scienze delle comunicazioni per i media e le istituzioni e iscritta all'Albo dei giornalisti pubblicisti. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Mediagol e itPalermo.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora