×

Morte Roberta Siragusa, la nota del pm su Morreale: “Sentimento morboso”

È stata rinviata a domani l'udienza di convalida del fermo per Pietro Morreale, sospettato dell'omicidio della fidanzata Roberta Siragusa.

Confessa l'omicida di Roberta Siragusa

È stata rinviata alla giornata di mercoledì 27 gennaio l’udienza di convalida del fermo per Pietro Morreale, sospettato dell’omicidio della fidanzata Roberta Siragusa. Nelle ultime ore sono emersi ulteriori dettagli circa il comportamento del giovane in relazione al delitto, con il pubblico ministero che ha precisato: Provava un sentimento morboso nei confronti della vittima, aggiungendo poi come il giovane possieda una: “Personalità proclive al delitto e insensibile alla gravità dell’evento”.

Morte Roberta Siragusa, i sospetti su Morreale

Al momento il 19enne è accusato di omicidio e occultamento di cadavere e secondo gli inquirenti avrebbe inizialmente tentato di depistare le indagini fingendo di non sapere dove fosse finita la fidanzata, salvo poi condurre gli stessi agenti sul luogo del ritrovamento.

Attualmente si attendono i risultati dell’esame autoptico sul corpo della ragazza, ma già secondo i primi rilevamenti erano emersi segni di violenza ai danni della giovane.

Sul volto di Roberta Siragusa gli esperti avevano infatti notato diversi lividi, mentre il medico legale aveva esplicitamente parlato di: “Volto tumefatto nella regione orbitale laterale sinistra”.

La difesa del 19enne

Nonostante le accuse però, il giovane continua a proclamarsi innocente affermando anzi di aver cercato di salvare la fidanzata da quello che stando alle sue parole sembrerebbe essere un tentativo di suicidio: “Non l’ho uccisa si è data fuoco da sola e si è gettata nel dirupo, per salvare mi sono ustionato una mano”.

Il parere degli amici della ragazza

Intervistati durante la trasmissione televisiva Pomeriggio 5, alcuni amici della coppia hanno avanzato l’ipotesi che in realtà Pietro potrebbe aver agito assieme a un presunto complice: “Tutti pensiamo che lui potrebbe avere avuto un complice, il complice potrebbe essere un parente o a un amico, forse un parente che lo copre”.

Al netto della dinamica del delitto però, tutti gli amici ascoltati durante la trasmissione sono concordi nel ritenere Pietro Morreale autore dell’omicidio di Roberta, portando come prova anche le frequenti liti che avvenivano tra i due fidanzati, scatenate dalla gelosia di lui: Un anno fa lui le ha fatto un occhio nero, ma i genitori della ragazza non si sono accorti di nulla”.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora