×

Covid, cambio dei colori: da lunedì Lombardia e Lazio in zona gialla

Condividi su Facebook

Da lunedì 1 febbraio cambiano le zone di rischio epidemico di alcune regioni, con Lazio e Lombardia che ritorneranno all'interno della zona gialla.

Sulla base dell’ultimo monitoraggio dell’Iss, a partire da lunedì 1 febbraio verranno modificati i colori delle zone di rischio epidemico di alcune regioni, con Lazio e Lombardia che ritorneranno all’interno della zona gialla mentre Sicilia e provincia autonoma di Bolzano scenderanno in zona arancione.

Le altre regioni a rimanere in zona arancione saranno inoltre Puglia, Sardegna, Umbria e Sicilia, con il resto della penisola che invece potrà tornare in zona gialla.

I nuovi colori entreranno in vigore lunedì

A differenza delle ordinanze passate che entravano in vigore a partire da domenica, il Ministero ha specificato che in questo caso i nuovi colori diventeranno validi da lunedì 1 febbraio. Lazio e Lombardia rimarranno dunque arancioni fino a domenica 31 gennaio, come annunciato anche dal governatore Fontana:

Covid, Lazio e Lombardia in zona gialla

Il cambiamenti di colore nella classificazione delle regioni è giunto a seguito dei dati emersi dall’ultimo monitoraggio settimanale dell’Iss/ministero della Salute, che ha evidenziato un sostanziale calo dell’indice Rt nazionale rispetto alla precedente settimana presa in esame. Nel periodo compreso tra il 18 e il 25 gennaio infatti, l’indice di contagio Rt è sceso da 0,97 a 0,84, con un contestuale calo dell’incidenza dei casi per 100mila abitanti che passa dai 339,34 del periodo 4-17 gennaio ai 289,35.

Nonostante le regole prevedano che una regione possa ritornare in una fascia di rischio meno restrittiva soltanto dopo due settimane di permanenza minima in quella soprastante, per la Lombardia le autorità hanno deciso di fare un’eccezione. Il ministero ha infatti conteggiato come settimana in zona arancione anche quella tra il 17 e il 24 gennaio in cui la regione è rimasta accidentalmente in zona rossa per un errore nella trasmissione dei dati.

Cosa si può fare in zona gialla

All’interno della zona gialla potranno finalmente riaprire al pubblico bar e ristoranti, anche se solo fino alle 18 mentre il servizio d’asporto rimane come sempre attivo fino alle 22 e quello a domicilio senza limiti d’orario. Ci si potrà inoltre spostare all’interno del territorio regionale senza bisogno di autocertificazione, necessaria invece durante il coprifuoco dalle 22 alle 5, e si potrà continuare ad andare a trovare amici e parenti una volta al giorno: “Nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi”. Riapriranno inoltre anche mostre e musei dal lunedì al venerdì, anche se con ingressi contingentati. Aperti anche i negozi all’interno dei centri commerciali, ma solo nei giorni feriali.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora