×

Cardinale Crescenzio Sepe guarito dal Covid e dimesso dall’ospedale

Condividi su Facebook

Risultato negativo al Covid-19, il cardinale Sepe è stato dimesso dal Cotugno di Napoli e dovrà osservare un periodo di convalescenza.

cardinale Sepe Covid-19
cardinale Sepe Covid-19

Dopo essere risultato positivo al coronavirus, inizialmente senza presentare sintomi, i medici hanno ritenuto opportuno tenere sotto monitoraggio il suo quadro clinico. Dopo alcune settimane, il cardinale Crescenzio Sepe è risultato negativo al Covid-19 e dimesso dall’ospedale Cotugno di Napoli.

Cardinale Sepe guarito dal Covid-19

Nella mattinata di sabato 30 gennaio il cardinale Sepe ha lasciato l’ospedale. Il tampone ha dato esito negativo e così ha potuto raggiungere la sua nuova abitazione diocesana di Capodimonte. La residenza del cardinale si trova poco distante dalla Basilica del Buon Consiglio, dove per tradizione tutti gli ex vescovi partenopei soggiornano una volta concluso l’incarico pastorale.

Lo scorso 23 gennaio era risultato positivo al Covid-19.

Dopo alcuni giorni le sue condizioni si sono aggravate e così i medici hanno preferito ricoverare il cardinale, affinché potesse essere costantemente monitorato. Sepe era ricoverato nel reparto ordinario del Cotugno di Napoli, struttura da sempre punto di riferimento per le malattie infettive, ed è stato sottoposto a una tac ai polmoni.

Nonostante la negatività al tampone, per prudenza è bene che Sepe (che compirà 78 anni il prossimo mese di giugno) osservi un periodo di convalescenza.

Dovendo restare a riposo ancora per alcuni giorni, il cardinale napoletano non potrà partecipare alla Celebrazione per l’ingresso in Diocesi del nuovo Arcivescovo di Napoli monsignor Domenico Battaglia. La cerimonia si terrà in Cattedrale alle ore 17 di martedì 2 febbraio 2021.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora